Contenuto sponsorizzato

Ben venga il Garante dei detenuti, ma quando si parla di diritti delle persone il Trentino rincorre il resto dell'Italia

Il passaggio certo del provvedimento promosso da Mattia Civico in Consiglio Provinciale è un'ottima notizia, ma si resta indietro rispetto all'omofobia, alla doppia preferenza di genere e al diritto di fine vita
Dal blog di Walter Alotti - 08 giugno 2017 - 20:43

Bene l’istituzione del Garante dei detenuti anche in Trentino, rimasto buon ultimo territorio in questa materia, come in tanti altri temi e leggi che riguardano i diritti delle persone. Come ad esempio l’omofobia, la doppia preferenza di genere o il diritto al fine vita.

 

Il passaggio certo del provvedimento promosso da Mattia Civico in Consiglio Provinciale è un'ottima notizia: ben venga questo ulteriore elemento di garanzia per la popolazione del penitenziario di Spini di Gardolo.

 

Siamo certi che anche il nuovo Garante dei detenuti locale avrà modo di verificare il buon lavoro svolto dalla polizia penitenziaria e dal personale tutto impiegato nella struttura trentina.

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 febbraio - 06:01

Quella degli stranieri in Italia è un'invasione o no? Sono i migranti il problema del nostro Paese o sono il perfetto capro espiatorio delle nostre colpe? Con Limes e l'Istat proviamo a dare i numeri

19 febbraio - 11:49

E' successo tra la Stazione dei treni di Trento e piazza Dante. Il conducente della moto aveva la visibilità coperta da un mezzo pubblicitario e non si è accorto dell'arrivo dei pedoni

18 febbraio - 19:14

Da venerdì la macchina dei soccorsi ha lavorato a pieno regime per trovare il 16enne scomparso da Riva del Garda. In campo anche droni e cani molecolari. E' stata setacciata qualunque zona limitrofa all'area dell'ultimo avvistamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato