Contenuto sponsorizzato
Ben venga il Garante dei detenuti, ma quando si parla di diritti delle persone il Trentino rincorre il resto dell'Italia
Il passaggio certo del provvedimento promosso da Mattia Civico in Consiglio Provinciale è un'ottima notizia, ma si resta indietro rispetto all'omofobia, alla doppia preferenza di genere e al diritto di fine vita
Dal blog di Walter Alotti - 08 giugno 2017 - 20:43

Bene l’istituzione del Garante dei detenuti anche in Trentino, rimasto buon ultimo territorio in questa materia, come in tanti altri temi e leggi che riguardano i diritti delle persone. Come ad esempio l’omofobia, la doppia preferenza di genere o il diritto al fine vita.

 

Il passaggio certo del provvedimento promosso da Mattia Civico in Consiglio Provinciale è un'ottima notizia: ben venga questo ulteriore elemento di garanzia per la popolazione del penitenziario di Spini di Gardolo.

 

Siamo certi che anche il nuovo Garante dei detenuti locale avrà modo di verificare il buon lavoro svolto dalla polizia penitenziaria e dal personale tutto impiegato nella struttura trentina.

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 12:40

Il popolare giornalista ospite applauditissimo al Festival delle Resistenze contemporanee di Trento: "E' un privilegio, infatti che differenza c'è tra un trentino e un veneto?"

24 settembre - 20:16

Dal presidente altoatesino Arno Komaptscher al senatore Franco Panizza, dal deputato Riccardo Fraccaro al consigliere Walter Kaswalder, tutti al fianco del governo catalano. "L'autonomia della Catalogna esiste solo sulla carta. Stessa situazione qui negli anni '50, solo che il clima internazionale era favorevole" 

24 settembre - 18:56

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 sulla statale 421. Ad avere la peggio la signora che era alla guida dell'altro mezzo trasportata all'Ospedale di Arco con diversi traumi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato