Contenuto sponsorizzato

Furto in centro storico, due famiglie di rom usano i bambini per rubare da ''Stellazeta"

Pubblicato il - 23 novembre 2017 - 16:34

TRENTO. Furto in pieno centro storico questo pomeriggio al negozio “Stellazeta” che si trova in via Oriola. Attorno alle 15, due famiglie di etnia rom sono entrati nel punto vendita con tre bambini e due passeggini.

 

L'azione è avvenuta in pochi minuti. Mentre gli adulti cercavano di tenere occupati i titolari, i bambini hanno rubato braccialetti, collanine, orecchini e altri accessori di bigiotteria nascondendoli poi all'interno dei passeggini.

 

Una delle titolari, accortasi di quello che stava accadendo, ha avuto la prontezza di bloccare le due famiglie prima che si allontanassero dal negozio riuscendo poi a recuperare quasi interamente la merce che era stata rubata.

 

“Utilizzano i bambini che avranno 5 o 6 anni – ci spiega Pamela, la titolare del punto vendita – per rubare la merce. Ormai situazioni del genere ci capitano una volta ogni 10 giorni. Questa volta erano riusciti a prendere merce per un valore di circa 80 euro”.  

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 Dicembre 2017
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 dicembre - 06:48

Rossi parla del Trentino che per 5 anni ha governato, descrivendolo così: "Un Trentino orgoglioso della sua specialità, un Trentino possibile perché sostenibile, capace di essere aperto al futuro, consapevole che l'identità non è un fatto statico ma in evoluzione continua"

15 dicembre - 19:01

Nessuna condanna per il giovane disabile trovato in possesso di 23 piante di cannabis. Usava la sostanza per curarsi ma fu denunciato. Oggi l'assoluzione per non aver commesso il fatto

15 dicembre - 19:02

L'uomo, secondo la trasmissione Pomeriggio 5 e la stampa veneta, si troverebbe in una casa di 3 piani pagata dalla diocesi. Immediata la smentita della Curia padovana

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato