Contenuto sponsorizzato
Dalle alghe alimenti, farmaci e cosmetici. Nella ricerca anche la Fondazione Edmund Mach

Il progetto si chiama AlgaeCeuticals. Assieme partner accademici e industriali provenienti da Grecia, Germania, Austria, Spagna e Italia, guidata da CERTH (Salonicco, Grecia)

Pubblicato il - 08 settembre 2017 - 11:50

TRENTO. Utilizzare le alghe per la produzione di alimenti, farmaci e cosmetici. Si chiama AlgaeCeuticals il progetto finanziato dai fondi europei H2020 RISE, a cui partecipa anche la Fondazione Edmund Mach, che mira a sfruttare le nuove conoscenze della genomica e le nuove tecnologie “omiche” per ricavare dalle alghe composti bioattivi potenzialmente utilizzabili per la produzione di nuovi cosmetici e nutraceutici in ambito industriale.

 

A lavorarci è una squadra composta da partner accademici e industriali provenienti da Grecia, Germania, Austria, Spagna e Italia, guidata da CERTH (Salonicco, Grecia), che ha assunto il compito di studiare l’utilizzo delle microalghe nel campo della cosmetica e come integratori alimentari. I ricercatori Fem coinvolti sono Stefan Martens (Biotecnologia dei Prodotti Naturali), Nico Salmaso e Leonardo Cerasino (Idrobiologia).

 

Secondo la ricerca che viene portata avanti, se si espongono a particolari condizioni le alghe sviluppano meccanismi unici di protezione, producendo diversi metaboliti che possono essere identificati e sfruttati in modo sostenibile.

Il progetto AlgaeCeuticals sfrutterà i ceppi di alghe nativi che sintetizzano prodotti ad alto valore aggiunto attraverso l'applicazione di nuove tecnologie omiche (genomica, trascrittomica, proteomica, e metabolomica), nonché tecnologie per la coltura delle alghe.

 

In particolare, AlgaeCeuticals avrà lo scopo di esaminare e caratterizzare la biodiversità algale, ottimizzando i sistemi di coltura, e sviluppando nuovi approcci omici e strategie di trasformazione dei prodotti a valle, finalizzati alla creazione di nuovi prodotti. Per raggiungere questi obiettivi, tre centri accademici e di ricerca greci (CERTH / INAB, AUA) e italiani (FEM) collaboreranno per quattro anni con quattro partner industriali greci (Fresh Formula), spagnoli (Bionos Biotech), austriaci (Ecoduna AG) e tedeschi (IGV GREENFOOD).

 

I partner accademici lavoreranno a stretto contatto con i settori R&D ricerca e sviluppo, costituendo una squadra complementare e altamente competitiva in grado di promuovere il trasferimento di conoscenze ed eccellenza ai partner industriali. Ciò darà modo di rafforzare la competitività industriale nel campo dell'alimentazione e della cosmesi a partire dai processi di progettazione e sviluppo fino alla sperimentazione dei prodotti selezionati nel corso del progetto.

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 19:02

Ferie forzate per il wine maker della cantina sociale Mori Colli Zugna e per l'enologo della Cantina sociale di Ala. Entrambi – non per caso … - sono tra i promotori di un ‘manifesto’ che ripensa il modo di gestire il ‘vigneto Trentino’

25 settembre - 20:12

Esilarante siparietto su Facebook con i consiglieri Lombardo, Maschio e Moranduzzo che dimenticano che in consiglio era passato un provvedimento. Stanchina fa chiarezza e allora arrivano le scuse, che non bastano. Ma davvero via Perini diventerà a una corsia? La risposta a il Dolomiti di Italo Gilmozzi

25 settembre - 19:05

Dopo un incremento di presenze turistiche che ha sfiorato il 40% nel 2016, per il Nepal si prevede nel 2017 un aumento ancora più significativo, fino a circa 3 milioni di viaggiatori. Ecco i consigli di Viaggigiovani.it

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato