Contenuto sponsorizzato

Dalle alghe alimenti, farmaci e cosmetici. Nella ricerca anche la Fondazione Edmund Mach

Il progetto si chiama AlgaeCeuticals. Assieme partner accademici e industriali provenienti da Grecia, Germania, Austria, Spagna e Italia, guidata da CERTH (Salonicco, Grecia)

Pubblicato il - 08 settembre 2017 - 11:50

TRENTO. Utilizzare le alghe per la produzione di alimenti, farmaci e cosmetici. Si chiama AlgaeCeuticals il progetto finanziato dai fondi europei H2020 RISE, a cui partecipa anche la Fondazione Edmund Mach, che mira a sfruttare le nuove conoscenze della genomica e le nuove tecnologie “omiche” per ricavare dalle alghe composti bioattivi potenzialmente utilizzabili per la produzione di nuovi cosmetici e nutraceutici in ambito industriale.

 

A lavorarci è una squadra composta da partner accademici e industriali provenienti da Grecia, Germania, Austria, Spagna e Italia, guidata da CERTH (Salonicco, Grecia), che ha assunto il compito di studiare l’utilizzo delle microalghe nel campo della cosmetica e come integratori alimentari. I ricercatori Fem coinvolti sono Stefan Martens (Biotecnologia dei Prodotti Naturali), Nico Salmaso e Leonardo Cerasino (Idrobiologia).

 

Secondo la ricerca che viene portata avanti, se si espongono a particolari condizioni le alghe sviluppano meccanismi unici di protezione, producendo diversi metaboliti che possono essere identificati e sfruttati in modo sostenibile.

Il progetto AlgaeCeuticals sfrutterà i ceppi di alghe nativi che sintetizzano prodotti ad alto valore aggiunto attraverso l'applicazione di nuove tecnologie omiche (genomica, trascrittomica, proteomica, e metabolomica), nonché tecnologie per la coltura delle alghe.

 

In particolare, AlgaeCeuticals avrà lo scopo di esaminare e caratterizzare la biodiversità algale, ottimizzando i sistemi di coltura, e sviluppando nuovi approcci omici e strategie di trasformazione dei prodotti a valle, finalizzati alla creazione di nuovi prodotti. Per raggiungere questi obiettivi, tre centri accademici e di ricerca greci (CERTH / INAB, AUA) e italiani (FEM) collaboreranno per quattro anni con quattro partner industriali greci (Fresh Formula), spagnoli (Bionos Biotech), austriaci (Ecoduna AG) e tedeschi (IGV GREENFOOD).

 

I partner accademici lavoreranno a stretto contatto con i settori R&D ricerca e sviluppo, costituendo una squadra complementare e altamente competitiva in grado di promuovere il trasferimento di conoscenze ed eccellenza ai partner industriali. Ciò darà modo di rafforzare la competitività industriale nel campo dell'alimentazione e della cosmesi a partire dai processi di progettazione e sviluppo fino alla sperimentazione dei prodotti selezionati nel corso del progetto.

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 gennaio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 12:47

Proposta dal consigliere Giacomo Bezzi, il testo è stato votato all'unanimità. Ma Claudio Cia: "In questi ultimi anni si è puntato anche troppo sugli elicotteri impoverendo i servizi nelle valli. Il costo di quello preso a noleggio è di 7 mila euro al giorno"

18 gennaio - 15:58

Per il vicario genere: "Troppe incombenze amministrative ed economiche per i parroci che hanno anche più parrocchie. Serve l'aiuto dei laici"

17 gennaio - 19:43

La sua rielezione sembrava tramontata ma Dellai spinge perché si ripresenti sul collegio senatoriale che lo ha eletto nel 2013. Di conseguenza toccherebbe a Mellarini spostarsi su quello più insidioso di Pergine. Il braccio di ferro è già iniziato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato