Contenuto sponsorizzato

Venezia 74, un'accoppiata vincente: Charlotte Rampling vince la Coppa Volpi con il regista trentino Andrea Pallaoro

L'attrice vince il premio nel film Hannah del talentuoso regista trentino, formatosi negli Stati Uniti: merito di dedizione e incessante sperimentazione

Di Alda Baglioni - 10 settembre 2017 - 21:47

VENEZIA. Venezia andata e ritorno. Trionfale. Un cerchio, un percorso circolare, che apre a nuove sfide. In sintonia pure con il titolo, Hannah, perfetto palindromo per avvicinarsi allo stile del regista, fatto tutto di piani-sequenza, la forza della lentezza, il cipiglio di un giovane che punta a creare uno stile. Suo, inconfondibile, forse solo paragonabile a certi ‘mostri’ del calibro di Michelangelo Antonioni o - per dirla in pittura - a Francis Bacon.

Ri-lanciando l’assoluto blasone di una interprete che consente ad Andrea Pallaoro di essere annoverato tra i vincitori di una Mostra Cinema piuttosto parca verso le opere maturate negli studios 'Made in Italy' (a parte Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione Orizzonti). Perché Charlotte Rampling è perfetta icona del modo di ‘girare’ del talentuoso regista trentino. Del resto lo si era capito subito, dopo il debutto (l’andata) a Venezia con Medeas, l’epica versione. Così con Hannah (appunto, ritorno…) Pallaoro dimostra, inequivocabilmente, la forza del suo modo di concepire un film e nel contempo - proprio per questo - è pronto ad accettare confronti a ‘campo lungo’. Pronto per l’imminente Festival di Toronto e dunque per la platea internazionale.

Orgoglio trentino, si potrebbe dire, nonostante la sua formazione cinematografica sia tutta Usa. Merito di dedizione e incessante sperimentazione. Spronato sicuramente anche dalla sua famiglia, mamma Nadia e papà Angelo, uno degli architetti più in vista, dopo gli studi al movimentato Pozzo, vecchio istituto per geometri di via Barbacovi, allora scuola ‘sessantottina’. Ecco perché è bello, significativo, vedere il regista e i suoi cari sfilare sul purpureo ‘tappeto’ del Lido veneziano, tra schiere di fotografi e le star del cinema.

 

I trentini che omaggiano la Rampling, e viceversa. Senza la determinazione, pure la cocciutaggine di un ragazzo che - deluso da certe impostazioni provinciali del liceo classico di Trento - sceglie di restare lontano dalla sua famiglia, l’attrice forse non avrebbe potuto dimostrare ulteriormente la sua autorevolezza interpretativa.

 

E magari, senza di lei, Pallaoro, dimostrare al pubblico che conta la sua indiscussa verve autoriale. Deciso ad entrare tra quei registi che la critica annovera tra i ‘classici’.

 

Due opere a Venezia e già è pronto per nuovi, mirati ciak. Lo aveva ribadito subito dopo l’esordio veneziano, insistendo caparbiamente di voler coinvolgere - per il suo secondo lungometraggio - la Rampling. Obiettivo più che centrato. Ha evidenziato, poi, come il cinema italiano presente a Venezia stenti ad avere una visione davvero internazionale, nonostante roboanti promozioni e critici osannanti.

 

Adesso Andrea Pallaoro ha la sceneggiatura per altre due storie. Perfettamente in sintonia con le prime. Lavori che sicuramente saranno facilitati dal meraviglioso riscontro di questo settembre 2017. E ancora: augurando ad Hannah  il pubblico che ama i film senza fronzoli. Scene per capire, pellicole che consentono anche a noi spettatori di essere in qualche modo …’interpreti’. Sperando, inoltre, di avere prestissimo l’anteprima assoluta a Trento. Con la Rampling tra i Pallaoro. In sala. 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 luglio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 18:11

Il giovane è stato arrestato domenica pomeriggio. Durante la mattinata denunciato anche un 28enne di Predazzo per possesso di hashish

16 luglio - 12:12

Lamentele dei vicini per i rumori ma il fondatore della ditta di trasporti si difende: "Ho segnalato il problema alla Provincia ma non sono intervenuti. Ho avuto danni per 100 mila euro, per questo il dissuasore acustico"

16 luglio - 17:39

Dalle problematiche legate alle violenze sulle donne, all'aiuto degli anziani, dall'impegno per i giovani, all'acquisto di defibrillatori e alla messa a dimora di molti alberi da frutto l'anno di presidenza di Frattari è stato particolarmente ricco. Qualche giorno fa il passaggio di consegne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato