Contenuto sponsorizzato
Girone impegnativo per Trento e Lagaria, Olterfersina e Alto Adige nello stesso girone

Rugby. La stagione della palla ovale inizia il prossimo ottobre. Il campionato si chiude il 13 maggio

Rotaliana e Trento in azione (foto studio duemila)
Pubblicato il - 08 settembre 2017 - 20:21

TRENTO. Un girone tosto per Trento e Lagaria, mentre l'Oltrefersina ritrova l'Alto Adige e il West Verona. E' stata resa nota la composizione dei quattro gironi del campionato di serie C2 che comincerà domenica 1 ottobre e si concluderà domenica 13 maggio 2018.

 

Il Comitato Veneto ha rispolverato la formula di qualche anno fa, con quattro gironi e barrage promozione, mescolando un po' le squadre per alzare il livello di gioco e garantire un buon numero di partite a tutte le squadre. I primi tre raggruppamenti sono riservati alle 18 squadre che ambiscono al salto di categoria (tra cui Trento e Lagaria), il quarto (che comprende anche Oltrefersina e Alto Adige) alle otto compagini che non possono o non hanno ambizioni di classifica.

 

Trentini e roveretani sono inseriti nel Girone 1 assieme a Rovigo Delta cadetta, Altovicentino, Scaligera Valeggio e Piazzola. Questa prima fase si concluderà a il 21 gennaio, i primi due XV dei primi tre gironi comporranno un barrage a sei, al termine del quale usciranno le compagini promosse in Serie C1. Se gialloblù o neroverdi non riusciranno a essere nelle prime due posizioni rientreranno nel Trofeo Triveneto (riservato alle squadre terze e quarte classificate) o alla Coppa triveneto (riservato alle quinte e seste classificate).

 

"Si è cercato un equilibrio – spiega il delegato provinciale Fabio Pavanelli – una risposta soddisfacente tra chi ha ambizioni di salire di categoria, rispetto ad altri che non sono o non si sentono pronti per il salto di qualità e preferiscono rimanere 'in attesa' e consolidare i propri numeri. Ci sarà qualche trasferta lunga per tutti (per esempio l'Oltrefersina giocherà col Rosolina, ndr) ma comunque non sarà superato il tetto massimo del chilometraggio per le trasferte. Tecnicamente sono gironi estremamente difficili perché in alcuni gironi ci sono alcune squadre retrocesse o cadette di società importanti. Sulla carta Lagaria e Trento sono in un girone con tre società molto forti e strutturate e dovranno impegnarsi molto se vorranno ottenere risultati a livello delle loro aspettative e ambizioni".

 

Nel girone 4 'Mantenimento' rientrano invece Oltrefersina e Alto Adige con West Verona, Rosolina, Vicenza, Sile, Montereale ed Este. Per loro una stagione leggermente meno impegnativa – 14 partite contro le 20 di Trento e Lagaria – con inizio domenica 1 ottobre e conclusione il 15 aprile.

 

Un raggruppamento che pare rispondere alla volontà di contrastare il fenomeno delle fusioni da una parte, e cercare di limitare o arrestare il trasferimento di altre società ai campionati amatoriali dall'altra: “Le fusioni tra squadre – conclude Pavanelli – sono quasi sempre determinate da problemi economici con due società che si fondono per sostenere in maniera più lieve i costi. Con questo ulteriore girone si è data la possibilità di giocare a tutti e garantire la regolarità e l'integrità fisica dei giocatori. Partecipando al campionato federale, invece che a quello amatoriale, si dispongono di arbitri qualificati a tutela del gioco e dei rugbisti, ma soprattutto si è in possesso di una serie di assicurazioni che con gli amatori non ci sono. Magari anche Benacense e Rotaliana, sia singolarmente sia unendo le forze in un sistema di aggregazione, avrebbero beneficiato dalla partecipazione a un campionato come questo, ma è anche giusto che le società abbiano la completa autonomia di scelta e di gestione dei propri programmi".  

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 19:02

Ferie forzate per il wine maker della cantina sociale Mori Colli Zugna e per l'enologo della Cantina sociale di Ala. Entrambi – non per caso … - sono tra i promotori di un ‘manifesto’ che ripensa il modo di gestire il ‘vigneto Trentino’

25 settembre - 20:12

Esilarante siparietto su Facebook con i consiglieri Lombardo, Maschio e Moranduzzo che dimenticano che in consiglio era passato un provvedimento. Stanchina fa chiarezza e allora arrivano le scuse, che non bastano. Ma davvero via Perini diventerà a una corsia? La risposta a il Dolomiti di Italo Gilmozzi

25 settembre - 19:05

Dopo un incremento di presenze turistiche che ha sfiorato il 40% nel 2016, per il Nepal si prevede nel 2017 un aumento ancora più significativo, fino a circa 3 milioni di viaggiatori. Ecco i consigli di Viaggigiovani.it

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato