Contenuto sponsorizzato
Dal piccante in Messico ai platani fritti in Africa, la colazione è un viaggio nel viaggio

E' il pasto più importante della giornata in tutte le parti del mondo, ma sono tantissime le varianti che si possono trovare in tavola appena alzati in tutto il mondo. Ecco alcuni consigli di viaggigiovani.it per vivere un'esperienza inaspettata e unica coinvolgendo le papille

spazio autogestito - di Viaggigiovani.it
Pubblicato il - 29 giugno 2017 - 19:41

TRENTO. "Il pasto più importante della giornata", in tutte le parti del mondo si è concordi nel tributare alla colazione il posto d'onore, ma sono tantissime le varianti che si possono trovare in tavola appena alzati.

 

Sapori che raramente associamo all'inizio della giornata, accostamenti arditi e gusti temerari. Dalla colazione in pieno 'japanese style' ai platani fritti in Africa, dall'incrocio culinario impegnativo della fusion thailandese a uova, tortilla, cipolla e peperoncino in Messico, ecco i consigli di viaggigiovani.it per vivere un'esperienza inaspettata e unica coinvolgendo le papille.

 

Insomma quando si viaggia, il cibo è tra le componenti culturali più importanti per conoscere un Paese e per un momento è necessario mettere in soffitta la propria dieta.

 

Giappone: fin troppo semplice

Parli di cibo e di gusti particolari: inevitabile prendere in considerazione l'Estremo Oriente. Il Giappone è sempre in pole position, tra verità e leggende culinarie: rimane il fatto che una colazione 'japanese style' comprende sapori che raramente associamo ad un esordio di giornata.

In tavola al vostro risveglio troverete miso e tofu preparati in modi diversi, dalla zuppa alla cottura in foglia (provate l'hoba miso a Takayama), frutti di mare e pesce crudo o affumicato, naturalmente riso in più forme - dalla terrina con sopra un uovo sbattuto agli onigiri cari a Doraemon - e alghe norio sottaceti per il regno vegetale.

Se però preferire la colazione occidentale, si può sempre rimediare sul più rassicurante pane tostato e burro, uova e caffè o succo di frutta, ma vi consigliamo di raccogliere la sfida e provare una colazione in stile giapponese.

 

Thailandia: senza mezze misure
Preparate le vostre papille gustative agli straordinari: siete in Thailandia e il sapore forte è un dogma anche a colazione. L'espressione più comune per 'mangiare' qui è 'gin kôw', letteralmente 'consumare riso': l'ingrediente principale è presto detto. Il Khao tom è un buon compromesso, riso al vapore e banana; lo stesso vale per il pathongko, variante della pasta fritta cinese youtiao.

Se invece siete temerari, potete tentare qualcosa di fusion, o sarebbe meglio dire (con)fusion. In questo caso troverete ovunque il kôw pat a-me-ri-gan, 'riso fritto americano': un incrocio culinario impegnativo che unisce in una stessa padella riso saltato, ketchup, uvetta, piselli, prosciutto, wurstel fritti e uovo in padella.

 

Africa occidentale: non giudicare dall'aspetto
Nel peregrinare sule sponde dell'Oceano Atlantico avrai l'occasione di assaggiare miglio, manioca e igname in molte forme: il fufu o foufou (più a nord diventa foutou) è una delle principali. Le radici vengono ridotte ad una specie di purè e mescolate con la gelatina che rende il tutto un po' appiccicoso: prendine un po', rigorosamente con la mano destra, fanne una pallina, intingilo nella salsa e gustalo come merita.

 

Ricorda che molto del sapore deriva dalla riz sauce, quindi non aver paura ad affondare la mano. Troverai facilmente anche platano fritto: non pensare alla dieta e addenta senza rimorsi.

 

 

Messico: un'esplosione a colazione
Da queste parti il cibo è uno degli aspetti fondamentali della quotidianità: ogni messicano conosce 'il miglior locale', 'il miglior piatto', 'il miglior cuoco' (che nel 100% dei casi è lo stesso: 'mi madre').

 

Se hai appena aperto gli occhi dopo un sonno rigenerante e decidi di affrontare i piatti tipici locali per la colazione, tieniti pronto: non si fanno prigionieri.

 

Gli huevos rancheros sono imprescindibili: due uova fritte servite su una tortilla e ricoperte con una salsa a base di pomodoro, cipolle e peperoncino.

 

Nello Yucatán, la variante motuleños comprende prosciutto a cubetti, piselli eplátanos. Poi, certo, nelle cafeterías servono anche un cestino con una serie di pan de dulce da sbocconcellare davanti ad una tazza di caffè.

 

Ma prima, il battesimo del piccante.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 19:02

Ferie forzate per il wine maker della cantina sociale Mori Colli Zugna e per l'enologo della Cantina sociale di Ala. Entrambi – non per caso … - sono tra i promotori di un ‘manifesto’ che ripensa il modo di gestire il ‘vigneto Trentino’

25 settembre - 20:12

Esilarante siparietto su Facebook con i consiglieri Lombardo, Maschio e Moranduzzo che dimenticano che in consiglio era passato un provvedimento. Stanchina fa chiarezza e allora arrivano le scuse, che non bastano. Ma davvero via Perini diventerà a una corsia? La risposta a il Dolomiti di Italo Gilmozzi

25 settembre - 19:05

Dopo un incremento di presenze turistiche che ha sfiorato il 40% nel 2016, per il Nepal si prevede nel 2017 un aumento ancora più significativo, fino a circa 3 milioni di viaggiatori. Ecco i consigli di Viaggigiovani.it

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato