Contenuto sponsorizzato
Da San Francisco all'Alaska, de Bertolini: "Novemila chilometri fatti, ora punto al circolo polare artico"

Tra Ghost town, villaggi indiani e la Monument valley, ma anche temperature altissime e tempeste di sabbia, il trentino ha raggiunto la terra di confine a nord-ovest del continente americano: "In Alaska ci sono solo tre stagioni: luglio, agosto e l'inverno. Qui nevica già"

Di Luca Andreazza - 20 agosto 2017 - 17:54

ALASKA (Stati Uniti). E' stato più veloce del previsto. Testa bassa e pedalare, Alessandro De Bertolini, ricercatore della Fondazione museo storico del Trentino, ha letteralmente divorato circa novemila chilometri attraversando California, Nevada, Arizona, New Mexico, Colorado, Wyoming e Montana (Qui articolo).

 

L'obiettivo finale dovevano essere le Montagne Rocciose e il Canada, ma il traguardo è arrivato ben prima del previsto e ormai il trentino è in ballo. L'avevamo lasciato in Utah (Qui articolo) e lo ritroviamo nella terra di confine, all'estremo nord-ovest del territorio americano.

 

"Il piano - spiega de Bertolini - è virato verso l'Alaska. Ormai siamo agli sgoccioli, ancora una decina di giorni e questa avventura si concluderà. Adesso l'intenzione è quella di puntare al circolo polare artico oppure al Denali National Park and Preserve sul monte Kinley". 

Dalla California al parco delle sequoie, dal Grand Canyon alla Ruote66, dal villaggio Blackfeet al Canada, non sono mancati i contrattempi, ma de Bertolini ha superato ogni difficoltà: "Ho affrontato - evidenzia - una tempesta di sabbia e strade chiuse per incendi boschivi, ma anche forature e il gran caldo, soprattutto nella Death valley, che mi ha costretto a pedalare di notte e riposare durante le ore diurne".

 

 

Il ricercatore si è inoltre imbattuto nella Ghost town di Bellarot, un villaggio che risale a circa 100 anni fa per sfruttare le risorse del territorio, oro in particolare, e abbandonato agli inizi del '900. 

 

"Un ambiente - commenta - davvero particolare. Questi luoghi non sono musealizzati, ma si può camminare e respirare ancora l'atmosfera dell'epoca. Qui ho perfino incontrato una coppia che trascorre l'estate nella solitudine di questa cittadina".

 

 

Un altro luogo particolare è quello della Monument valley: "Immensa, bellissima - ricorda - legata a doppio filo al cinema. Da 'Ritorno al futuro' a 'Ombre rosse' con protagonista John Wayne, da 'Forrest gump' a 'Easy rider', difficile non lasciarsi condizionare dall'immaginario delle pellicole a stelle e strisce. Questo è anche un luogo vittima del cine-turismo e qui non si è più in America, ma all’interno della riserva Navajo". 

 

L'ultima tratta di questa avventura targata Bikethehistory (Qui info) in collaborazione con Montura editing, Realweb e Saidea è in dirittura d'arrivo, ma le riserve sulla meta finale verranno sciolte solo all'ultimo momento. 

 

"Qui i locali - evidenzia il trentino - dicono che esistono solo tre stagioni, cioè luglio, agosto e l'inverno: le temperature già ora sono piuttosto basse. Ho dietro tutto il necessario per affrontare gli ultimi mille chilometri e raggiungere il mare artico, ma devo valutare se lungo la strada non ci sia già troppa neve e quali condizioni meteo si prospettano. Se raggiungere il circolo diventa troppo pericoloso, dirigo la bici verso il monte Kinley". 

 

Un viaggio nella solitudine, tempo immobile e un orizzonte spesso sconfinato a suon di musica che si avvia verso la fine. "In realtà - conclude de Bertolini - mi sono sentito solo quando sono transitato per una città: solo in quel momento ho avvertito la necessità di relazionarmi con altre persone, altrimenti si pedala e basta, mentre la natura è talmente magnifica che non ci sente mai veramente soli. Ora mi aspettano le ultime fatiche".

 

 

 

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 18:54

Il progetto è portato avanti dalla start up Green Code di Rovereto. Bloccando l'ormone della maturazione si allungherà la vita del frutto fino al 50%

23 novembre - 19:21
Le zone italiane più vocate al vino registrano un produttore/imbottigliatore mediamente ogni 8 ettari. In Trentino la media si attesta intorno a 1 ogni 70 ettari, mentre i 'cugini' altoatesini ne hanno 1 ogni 30, nonostante gli ettari vitati siano 5 mila. Il Consorzio: "Serve una riflessione condivisa sull'identità della nostra realtà"
23 novembre - 12:40

Dopo il successo dell'anno scorso gli appuntamenti ritornano in città.L’evento prende spunto dall'inserimento del capoluogo nella classifica delle prime dieci smart cities al mondo secondo l’IEEE ranking. Un progetto che nasce dalla collaborazione tra Comune e Provincia, Fbk e Università e Consorzio dei Comuni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato