Contenuto sponsorizzato
Perché le tasse aeroportuali sono così elevate? Ecco la risposta di Viaggigiovani.it

Il bliglietto aereo è formato da due componenti: la tariffa del volo e le tasse aeroportuali. Sulla prima non abbiamo incertezze, è il vero costo del ticket - applicato dalla compagnia aerea - il cui prezzo è fisso e certo. Non si può dire lo stesso per le tasse aeroportuali, voce alquanto instabile e fluttuante, che dipende da numerosi fattori. La spiegazione di viaggigiovani.it

Spazio autogestito
Di Spazio autogestito - 08 agosto 2017 - 13:35

TRENTO. Tasse aeroportuali, cioè 'Oggetti all'interno dell'atmosfera, fuori dal controllo, senza possibilità di studiarne la materia'. Una metafora 'astronomica' attraverso la quale Viaggigiovani.it cerca di analizzare l' 'Universo delle tasse aeroportuali' per una migliore e simpatica spiegazione della materia.

Perché le tasse aeroportuali sono così elevate? Si parte a monte, dal biglietto aereo, ciò che effettivamente si acquista.

 

Il bliglietto aereo è formato da due componenti: la tariffa del volo e le tasse aeroportuali. Sulla prima non abbiamo incertezze, è il vero costo del ticket - applicato dalla compagnia aerea - il cui prezzo è fisso e certo - per questo inclusa nella quota di partecipazione dei nostri tour. Non si può dire lo stesso per le tasse aeroportuali, voce alquanto instabile e fluttuante, che dipende da numerosi fattori.

 

Telescopio alla mano, andiamo ad osservarli ed analizzarli, in ordine di grandezza.

Si inizia dal YQ (codice unico per i costi di sicurezza, assicurazione e l’addizionale Fuel Surcharge): è il codice più 'pesante' delle tasse aeroportuali (rappresentante indicativamente l'85%). Per far fronte al continuo incremento del prezzo del petrolio, i vettori aerei applicano sovraprezzi del carburante sul prezzo - finale - del biglietto (ogni compagnia ha la discrezione di decidere questo ammontare).

 

Come un pieno dell'auto costa di più a causa dell'ascesa del prezzo del petrolio e quindi della benzina, allo stesso modo il carburante per un aereo, il cherosene, cresce sempre più. L'altro elemento, la sicurezza, è un fattore che ha acquisito un ruolo fondamentale, a seguito degli attentati dell'11 settembre 2001. Le compagnie aeree hanno dovuto modificare gli apparecchi ed i macchinari per i controlli e tutte le procedure d'imbarco. Tutto questo influendo sul prezzo - finale - del biglietto.

 

Si passa quindi all'IT (diritti di imbarco): si tratta dei costi che la compagnia aerea versa al gestore dei servizi aeroportuali, come le operazioni di check-in, di imbarco dei bagagli, dei servizi ai passeggeri, etc. I costi variano da aeroporto ad aeroporto ed a seconda della lunghezza delle tratte. E' un costo che è sempre incluso per voli da/per l'Italia.

 

Altra voce è l'HB (addizionale di competenza comunale, del Ministero del lavoro, della Salute e delle Politiche sociali e del Ministero dell’Interno): anche questa tassa, il cui valore è più o meno fisso, è sempre presente e vieni computata per tutti i voli da/per l'Italia.

 

Si passa in rassegna quindi l'EX (corrispettivo per il controllo dei bagagli da stiva): costo per il controllo dei bagagli registrati, sottoposti ai raggi x per la sicurezza dei passeggeri, che varia leggermente da aeroporto ad aeroporto e il VT (corrispettivo per la sicurezza del passeggero e del bagaglio a mano): costo che la compagnia aerea sostiene per i controlli di sicurezza effettuati sui passeggeri e sul bagaglio a mano, che varia leggermente da aeroporto ad aeroporto.

 

Altra voce è l'MJ (assistenza ai passeggeri disabili o a mobilità ridotta): costo per l'assistenza che il personale dell'aeroporto sostiene per passeggeri disabili o con mobilità ridotta, che varia leggermente da aeroporto ad aeroporto.

 

Si conclude il tutto alle 'VARIE' (diritti di imbarco, contributo per la sicurezza ed il servizio al passeggero): si tratta dei costi che la compagnia aerea versa ai gestore dei servizi aeroportuali, come le operazioni di check-in, di sicurezza doganale e/o servizi per i passeggeri, etc, di tutti gli aeroporti - oltre quello di partenza - inclusi nella tratta del proprio ticket. I costi sono molto variabili da aeroporto ad aeroporto ed a seconda della lunghezza delle tratte.

Ecco, tutte queste sono le tasse aeroportuali che ogni viaggiatore deve considerare prendendo parte ai nostri tour - oppure semplicemente acquistando un biglietto autonomamente online o presso altre agenzie di viaggio. 

 

Variano molto e spesso per fattori non imputabili direttamente alla compagnia, bensì al costo del petrolio in primis e dai costi di gestione e sicurezza degli aeroporti (quello di partenza, d'arrivo e di un eventuale scalo), che presentano costi molti diversi tra loro - per questo molto e spesso il valore complessivo delle tasse supera quello della tariffa reale del volo. Lunghezza della tratta e compagnia utilizzata - low cost o di linea - sono ovviamente ulteriori fattori che determinano la variabilità delle tasse. Insomma, un vero e proprio 'Universo a sé stante'.

 

Come colleghiamo l'Universo delle tasse aeroportuali con i nostri tour in piccoli gruppi? Attraverso tre step.

 

La Pubblicazione online del tour: è il momento in cui pubblichiamo l'offerta sul nostro sito web, in cui la quota di partecipazione comprende - oltre i servizi indicati - il prezzo del biglietto aereo, del ticket vero e proprio. Quindi la conferma del tour e l'emissione dei biglietti: a 30 giorni dalla partenza la compagnia aerea ci richiede l'emissione dei biglietti aerei. E' proprio questo il momento in cui la stessa compagnia ci comunica il valore finale delle tasse aeroportuali, cui facciamo seguire la conferma definitiva del tour. Dal momento della pubblicazione online del tour alla conferma, tutti quei codici prima descritti, fluttuano, come dei corpi nel sistema solare appunto.

 

Infine la partenza: il tour è già confermato, a 10 giorni dalla partenza vi inviamo la convocazione del tour, e poi pronti e via, per nuovi orizzonti.

 
La 'lezione di astronomia' è terminata, anche se sarà molto difficile farci piacere il sistema delle tasse aeroportuali. Nostro compito sarà quello di monitorare le tasse e alla voce 'La quota non comprende' di ogni tour, vi indicheremo sostanziali variazioni. Buon volo.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 18:54

Il progetto è portato avanti dalla start up Green Code di Rovereto. Bloccando l'ormone della maturazione si allungherà la vita del frutto fino al 50%

23 novembre - 19:21
Le zone italiane più vocate al vino registrano un produttore/imbottigliatore mediamente ogni 8 ettari. In Trentino la media si attesta intorno a 1 ogni 70 ettari, mentre i 'cugini' altoatesini ne hanno 1 ogni 30, nonostante gli ettari vitati siano 5 mila. Il Consorzio: "Serve una riflessione condivisa sull'identità della nostra realtà"
23 novembre - 12:40

Dopo il successo dell'anno scorso gli appuntamenti ritornano in città.L’evento prende spunto dall'inserimento del capoluogo nella classifica delle prime dieci smart cities al mondo secondo l’IEEE ranking. Un progetto che nasce dalla collaborazione tra Comune e Provincia, Fbk e Università e Consorzio dei Comuni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato