Contenuto sponsorizzato

Estinto da cinque secoli, ritorna il castoro. La sensazionale scoperta nelle foreste di Tarvisio

Prima le analisi di alcuni tronchi erosi e poi le immagini e i video hanno consentito di confermare la presenza di almeno un castoro che si suppone abbia  risalito l’Orrido dello Slizza fino alle foreste friulane

Credits: Riprese L. Lapini-R. Pontarini, novembre 2018
Di Giuseppe Fin - 01 dicembre 2018 - 12:18

TARVISIO. Il castoro in Italia sembrava essersi estinto definitivamente nel XVI secolo, gli ultimi avvistamenti in pianura Padana risalgono alla metà del 1500. Nei giorni scorsi, però, è stata fatta una scoperta davvero eccezionale. Il famoso roditore ha deciso di fare ritorno ed è stato avvistato nel nord-est, nelle foreste di Tarvisio.

 

Per capire bene la sua storia dobbiamo fare un passo indietro. La sua estinzione in gran parte dell’Europa fu da una parte dovuta all’utilizzo delle sue carni e delle sue pelli, dall’altra all’elevato valore del castoreum, un olio prodotto dalle sue ghiandole che veniva utilizzato nell’industria dei profumi, e si riteneva avesse anche proprietà medicamentose.

 

Il suo ruolo in natura è molto importante perchè è in grado di incrementare notevolmente la biodiversità delle aste fluviali che frequenta, grazie a sistemi di dighe che creano piccoli bacini e ristagni d’acqua particolarmente ricchi di vita.

 

Ed è proprio questa una delle ragioni che ha portato l’uomo ad avviare degli interventi per reintrodurre il castoro in molti paesi europei. Queste iniziative lo hanno riportato a qualche chilometro dall’Italia, sia in Svizzera (Canton Ticino), sia in Austria (Carinzia, Valle del Gail), dove la specie è stata reintrodotta tra gli anni ’70 e ’90 . In Slovenia il castoro è tornato nel 1999 grazie all’espansione naturale di popolazioni reintrodotte in Croazia, ma la sua presenza sembrava essere ancora relativamente lontana dai confini italo-sloveni.

 

Tutto questo ci ha portato ai giorni nostri. “Tutto è iniziato alla fine di ottobre – ci spiega Luca Lapini del Museo Friulano di Storia Naturale di Udine – quando sono state fatte delle osservazioni temporanee da parte di un cacciatore e di un forestale che hanno visto della particolari erosioni su un tronco

 

A metà di novembre Daniele Vuerich, della stazione del Corpo Forestale di Pontebba, ha ripreso l’immagine di un salice profondamente scortecciato. “Era una foto molto ravvicinata – ci ha spiega Lapini – e non si capiva bene perché poteva sembrare un danno da ungulato”.

 

Per questo si è allora deciso di approfondire e di chiedere a Renato Pontarini del Progetto Lince Italia di compiere alcune verifiche che hanno permesso di appurare come le erosioni che era state osservate su alcuni tronchi erano attribuibili al castoro. “Successivamente abbiamo fatto ulteriori verifiche – racconta Luca Lapini – che hanno consentito di confermare la presenza di almeno un castoro nel comune di Tarvisio. Segni della sua attività si trovano in almeno 6-7 km di aste fluviali della zona, indicando chiaramente la sua provenienza austriaca”.

Da tempo le popolazioni di castoro, reintrodotto in altre zone d'Europa, erano tenute sotto controllo soprattutto in Carinzia, ma nulla fino ad oggi aveva fatto supporre che la specie avesse risalito l’Orrido dello Slizza fino a Tarvisio.

 

Il Castoro europeo Castor fiber è protetto dalla Direttiva Habitat 92/43 CEE, che lo elenca con lo stesso pregio conservazionistico della lontra. “Oggi nei fiumi di Tarvisio convivono lontre e castori. Un primato nell’ambito italiano – conclude Lapini - che dimostra ancora una volta l’assoluta unicità di queste terre di confine”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 aprile - 12:47
Questa pratica di utilizzare i teli è stata sperimentata nel 2011 sul ghiacciaio Presena sul Tonale. Un provvedimento importante, ma non risolutivo, ormai i ghiacciai si ritirano in modo sempre più evidente e veloce. Serve in particolare per salvare la stagione invernale
26 aprile - 06:01

Magari sono studenti "fuori corso", ma sembra che ognuno abbia il suo compito, c'è quello che gestisce e controlla dall'esterno, un palo all'interno per monitorare gli spostamenti degli uomini della sicurezza e quindi solitamente in cortile ecco il mercato, si contratta e acquista

25 aprile - 21:44

Tra i primi, in assoluto, a mobiliarsi per intercettare possibili radiazioni scese in campo il laboratorio di Fisica atomica e molecolare della Facoltà di Scienze di Povo, sopra Trento. Il professore Zecca: "Il ruolo degli scienziati è essenziale per rilevare e divulgare possibili – anche minimi, quasi impercettibili – pericoli per la qualità della nostra vita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato