Contenuto sponsorizzato

Abbandonano un pannolino in montagna ma un’escursionista lo raccoglie per buttarlo: “Mi fate pena”

La grande lezione ecologista di una donna che decide di raccogliere un pannolino sporco e portarlo con sé per quasi tre ore prima di sbarazzarsene: “Spero che un giorno questa foto possa arrivarti, a te che decidi di lasciare a tuo figlio un mondo pieno di rifiuti”

Di Tiziano Grottolo - 13 settembre 2019 - 19:37

MAREBBE (BZ). Stava percorrendo il sentiero che dal centro visite del parco naturale di Fanes-Sennes-Braies porta al Lè dla Creda quando una giovane escursionista si è imbattuta in un pannolino sporco abbandonato lungo la passeggiata.

 

Avrebbe potuto far finta di niente ma la donna ha invece deciso di raccoglierlo, infilarlo in un sacchetto, legarlo allo zaino e portarlo con sé per due ore e mezza prima di buttarlo.

 

Dopodiché l’escursionista ha scelto di raccontare la sua storia sui social rivolgendosi direttamente ai genitori sporcaccioni che hanno abbandonato il rifiuto: “Spero tanto che tra un giorno, un mese o un anno questa foto possa arrivare a te: non ti scrivo con rabbia o con disprezzo ma con pena, sì perché provo pena per tuo figlio a cui tu, consapevolmente, decidi di lasciare un mondo pieno di rifiuti, veleno e tristezza".

Con questo gesto la donna ha voluto dare un segnale forte, una "lezione ecologista" alle persone che ancora abbandonano immondizia senza nessun ritegno e considerazione per l'ambiente che le circonda. 

 

In breve tempo sono arrivate una valanga di reazioni positive e di complimenti e il post è diventato virale, superando le 2000 condivisioni, attirando l’attenzione di molte persone che hanno voluto esprimere la loro approvazione per il bellissimo gesto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 aprile - 00:26

A tracciarli è stato Google: il quadro che emerge è molto differenziato a seconda delle voci prese in esame. Per quanto riguarda la riduzione degli spostamenti verso il luogo di lavoro i più ''bravi'' sono stati i siciliani, mentre la mobilità residenziale è aumentata di più in Valle d'Aosta, Molise e Marche 

06 aprile - 13:13

La segnalazione è stata fatta da un residente della zona stupito per i tanti giovani che si erano messi a fare una partita di calcio ieri pomeriggio. I militari hanno rintracciato il gestore della struttura

05 aprile - 22:07

La carbonara è un must del cibo tradizionale che il Made in Italy ha divulgato in (quasi) tutto il mondo. Spaghetti, guanciale, pecorino, uova e pepe, rappresentano un mix dove sempre e comunque la cottura della pasta è il tocco che sancisce la differenza. Fra tradizione e innovazione ecco come interpretarla anche fra le Dolomiti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato