Contenuto sponsorizzato

Braies contro il turismo "mordi e fuggi": a fronte di 15mila turisti al giorno, scatta un piano di contenimento

Tre imprenditori locali hanno proposto in un incontro con il governatore Svp Arno Kompatscher la costruzione di una struttura che impedisca l'arrivo coi mezzi privati al pittoresco lago della Val di Braies, reso noto da una serie Rai e dalle foto sul social Instagram. Previste così la costruzione di un parcheggio e la partenza di mezzi pubblici verso l'attrazione della valle

Pubblicato il - 11 febbraio 2020 - 16:40

BRAIES (BZ). Colpire il turismo “mordi e fuggi”, che porta più disagi che benefici al territorio, affollando piccoli borghi o bellezze della natura in nome del selfie a tutti i costi. È questa l'idea di tre imprenditori pusteresi, protagonisti di una serata organizzata dal Comune di Braies alla presenza del presidente della Giunta provinciale altoatesina Arno Kompatscher e del suo vice Daniel Alfreider.

 

Grazie a Instagram e alla celebre serie Rai con Terence Hill “Un passo dal cielo”, il pittoresco lago di Braies, situato nell'omonima valle laterale della Val Pusteria, negli ultimi anni si è trasformato in una meta turistica affollatissima. In un paesino di 650 anime, è chiaro che l'impatto di una massa di turisti che sfiora le 15mila unità giornaliere e 1.6 milioni all'anno – a fronte di 140mila pernottamenti – non può che provocare gravi conseguenze, anche ambientali.

 

Per questo gli imprenditori Mirko Steiner, Alexander Trenker e Bruno Heiss hanno pensato ad un progetto che prevede diverse infrastrutture, come un centro visite posto all'imbocco della valle e dotato di parcheggio, zona ricreativa e una stazione ferroviaria, in modo tale che il lago possa essere raggiunto coi soli mezzi pubblici. Tale centro sarà allestito come una struttura museale utile anche a far conoscere il patrimonio naturale meraviglioso delle Dolomiti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 marzo - 14:00

Nella pandemia che ha colpito il mondo intero, un terzo dei morti si è attualmente registrato in Italia. Il tasso di letalità, infatti, continua a esser piuttosto alto (9,2%), con un'età media dei deceduti comunque più alta rispetto alla media d'età dei contagiati da Covid-19 (Ecco i grafici dell'Istituto Superiore di Sanità)

29 marzo - 13:57

Diverse le baite e le malghe visitate dall'orso nella giornata di ieri. I movimenti sono stati ricostruiti dal Servizio Foreste della Pat 

29 marzo - 10:51

La delibera è del 13 marzo ma l'aumento è scattato retroattivamente dall'inizio di questo mese. E se la cosa è pienamente legittima forse il momento non era dei più adatti con il Paese chiuso in casa da settimane e molti cittadini che pur non sapendo nemmeno se uno stipendio ce l'avranno in futuro donano lo stesso quel che possono cercando tutti di fare la propria parte e anche di più

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato