Contenuto sponsorizzato

Un secondo sole compare nel cielo. L'esperto: ''E' il parelio, la rifrazione della luce solare su nubi formate da cristalli di ghiaccio''

Le immagini scattate a Bellamonte, frazione di Predazzo, da Paolo Scarian, fotografo naturalista, esperto e appassionato di lupi e amministratore del gruppo "Fiemme e Fassa il ritorno del lupo". Rizzonelli (MeteoTriveneto): "Un fenomeno ottico atmosferico dovuto alla rifrazione della luce solare da parte dei piccoli cristalli di ghiaccio sospesi nell'atmosfera e che solitamente costituiscono i cirri"

Di L.A. - 15 febbraio 2020 - 19:41

PREDAZZO. Un secondo sole è comparso nel cieli trentini. Le immagini scattate a Bellamonte, frazione di Predazzo, da Paolo Scarian, fotografo naturalista, esperto e appassionato di lupi e amministratore del gruppo "Fiemme e Fassa il ritorno del lupo".

 

Nella foto scattata il parelio. "E' la rifrazione della luce solare su nubi formate da cristalli di ghiaccio", commenta Giampaolo Rizzonelli, esperto e appassionato di meteorologia e climatologia con l'associazione MeteoTriveneto

 

Un fenomeno ottico atmosferico dovuto alla rifrazione della luce solare da parte dei piccoli cristalli di ghiaccio sospesi nell'atmosfera e che solitamente costituiscono i cirri.

 

"Il nome parelio indica proprio che sembra un sole, un secondo sole colorato, e succede quando ci sono i cirri, come oggi. Queste nubi - conclude Rizzonelli - sono formate quasi esclusivamente da piccoli cristalli di ghiaccio la cui densità è così bassa da renderle trasparenti alla luce solare. In alcuni casi possono dare luogo agli arcobaleni, mentre altre volte riflettono la luce e creano questo effetto ottico".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 marzo - 14:00

Nella pandemia che ha colpito il mondo intero, un terzo dei morti si è attualmente registrato in Italia. Il tasso di letalità, infatti, continua a esser piuttosto alto (9,2%), con un'età media dei deceduti comunque più alta rispetto alla media d'età dei contagiati da Covid-19 (Ecco i grafici dell'Istituto Superiore di Sanità)

29 marzo - 13:57

Diverse le baite e le malghe visitate dall'orso nella giornata di ieri. I movimenti sono stati ricostruiti dal Servizio Foreste della Pat 

29 marzo - 10:51

La delibera è del 13 marzo ma l'aumento è scattato retroattivamente dall'inizio di questo mese. E se la cosa è pienamente legittima forse il momento non era dei più adatti con il Paese chiuso in casa da settimane e molti cittadini che pur non sapendo nemmeno se uno stipendio ce l'avranno in futuro donano lo stesso quel che possono cercando tutti di fare la propria parte e anche di più

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato