Contenuto sponsorizzato

Un gigantesco Christian Bale si trasforma in Dick Cheney

Una storia non scorrevole con un finale alla “Truman show”. Ed, al centro, il cinico, enigmatico Cheney, sempre sulla cresta dell’onda tra presidenti, guerre e potere. A Trento “Vice” si proietta al cinema Astra
Dal blog di Alda Baglioni - 05 gennaio 2019 - 11:20

E’ tutto quasi vero e la somiglianza è notevole. Ma lui ci ha abituato ai suoi cambiamenti fisici da tempo. Il britannico Christian Bale (candidato all’Oscar 2019) con “Vice” diretto da Adam McKay, ha superato se stesso. E’ ingrassato venti chili e risulta irriconoscibile per portare sullo schermo la figura di Dick Cheney, controverso esponente politico americano, fido propulsore della strategia militare dei presidenti Bush. Una sceneggiatura contorta - sempre di McKay, - che ci aveva già confuso abbastanza le idee ne “La grande scommessa”, sempre con Bale tra i protagonisti.

 

Tante le scelte registiche spiazzanti. L’identità della voce fuori campo si scopre nel divenire del film, una narrazione squilibrata, che sembra interrompersi a metà, per poi riprendere con forza. Il tempo si rincorre, il prima, il dopo, l’oggi, sono metafore che rappresentano la lunga vita di un personaggio politico ancora presente nell’America attuale. Cheney ha sostenuto Donald Trump nell’ultima campagna elettorale, per esempio. Si vuole entrare nell’intimo di Dick, uomo di poche parole e tanti fatti.

 

Si parte dal periodo universitario, le sbronze, due volte in prigione per guida in stato alcoolico. Come ha fatto, con la fedina penale macchiata, ad aver avuto tanto successo in politica? L’amore, la futura moglie (la stereotipata Amy Adams) lo salva dalla via all’alcolismo, con la sua determinazione. Una donna con le idee chiare, che lo appoggerà sempre, un modello di fedeltà. Come dire: dietro ad un grande uomo c’è una grande donna. Due figlie, una di loro sia lesbica e la cosa potrebbe essere attaccabile per un eventuale futuro Presidente. Ma Dick si accontenta nell’ombra, di muovere i fili di una nazione, da capo gabinetto a vicepresidente repubblicano, sempre vicino al potere.

 

Da Nixon a Reagan, la storia americana ci passa davanti agli occhi con una velocità inaspettata. Dalla guerra in Cambogia alla presidenza di George Bush jr. (figura disarmante a dir poco, ben interpretata da Sam Rockwell). E altre date salienti. L’11 settembre 2001, l’attacco alle Torri Gemelle, il discorso di Colin Powell. E ancora Afghanistan la guerra in Iraq, le armi di distruzione di massa, le smentite, la formazione dell’Isis, Guantanamo, tra multinazionali petrolifere.

 

E’ tutto quasi vero, resta realmente l’interpretazione strabiliante di Cheney- Bale che dall’età di 37 anni, deve fare i conti con un cuore ballerino. Si fermerà più volte il cuore, per riprendersi nel suo corpo roccioso e massiccio, con la donna della sua vita al fianco, sempre pronta ad incoraggiarlo. Una storia non scorrevole con un finale alla “Truman show”. Ed, al centro, il cinico, enigmatico Cheney, sempre sulla cresta dell’onda. A Trento “Vice” si proietta al cinema Astra.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato