Contenuto sponsorizzato

Vaccino, mi hanno spostato la seconda dose a 42 giorni ''pù qualcos'', ma Aifa che dice? ''Intervallo ottimale tra 21 e 28 giorni''

L'Sms di Apss dà la responsabilità al Commissario straordinario e al parere dell'Aifa ed il messaggio che è passato è che tutto è perfetto ma il parere del Cts se letto per intero pare un po' più complesso: si dice che ''non è possibile superare in ogni caso l'intervallo di 42 giorni''. Proprio necessario arrivare strutturalmente a programmare tutto sul massimo tempo disponibile?
DAL BLOG
Di Fabio Andreatta - 13 aprile 2021

Costruttore di ripari per chi ha perso tutto. Tessitore di relazioni per comprendere

Mi spiace ritornare sulla questione vaccini ma quando Apss Trentina dà informazioni diciamo non proprio precise credo ci voglia un po' di chiarezza. Ieri ricevo e credo che con me saranno molti che lo hanno ricevuto o lo riceveranno un Sms dalla Apss che recita così: "Le comunichiamo che a seguito della richiesta del Commissario Straordinario per l'emergenza COVID19 ed il parere positivo dell'AIFA, il richiamo della vaccinazione Pfizer le è stato automaticamente posticipato di 21 giorni…..omissis".

 

Da queste brevi parole sembrerebbe responsabilità del Commissario e dell'AIFA l'aver posticipato di 21 giorni arrivando a 42 giorni tra prima e seconda dose. Scaricare le responsabilità sembra il primo scopo della nota oltre che evidentemente dilazionare i tempi. Ma? Ma c'è un ma. Sono andato a vedere il parere dell'AIFA e recita così:

 

PARERE CTS: Valutata la richiesta pervenuta dal Commissario Straordinario per l’emergenza COVID-19 in merito alla possibilità di estendere l’intervallo temporale tra la prima e la seconda somministrazione dei vaccini a mRNA, la CTS ribadisce che l’intervallo ottimale tra le dosi è, rispettivamente, di 21 giorni per il vaccino Comirnaty e di 28 giorni per il Vaccino COVID-19 Moderna (come indicato nei rispettivi RCP). Qualora tuttavia si rendesse necessario dilazionare di alcuni giorni la seconda dose, la Commissione precisa che, in accordo con quanto scritto in RCP e con quanto già dichiarato dal WHO, non è possibile superare in ogni caso l’intervallo di 42 giorni per entrambi i vaccini a mRNA. Si ribadisce che per ottenere una protezione ottimale è necessario completare il ciclo di vaccinazione con la seconda dose.

 

A me sembra molto diverso da quello affermato da Apss Trento in quel messaggio Sms anzi fossi AIFA mi offenderei anche. L'importante per l'Azienda sanitaria trentina era posticipare e vorrei sperare per poter fare più prime dosi ma arrivare al massimo tempo non mi sembra una scelta oculata od ottimale come dice AIFA. Ho la sensazione che abbiano confuso la flessibilità con il rischio.

 

Ah un'ultima cosetta da sottolineare: io il primo appuntamento lo ho alle 9.35 ed il secondo alle 11.30 dopo 42 giorni e due ore, quindi intervallo matematicamente maggiore di 42 giorni e quindi in contrasto con le indicazioni di AIFA che parla di 42 giorni e non di 42 giorni "pù qualcos". Sorrido ma la matematica evidentemente è una scienza che non appassiona in zona, come ho avuto già modo di osservare.  

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 maggio - 11:25
Gli studenti chiedono la possibilità di dialogare con l’amministrazione comunale e di avviare un tavolo di discussione con residenti ed [...]
Cronaca
12 maggio - 12:00
Non si ferma il conflitto armato fra gruppi palestinesi ed esercito israeliano: da entrambe le parti si contano vittime fra i civili e centinaia di [...]
Cronaca
12 maggio - 10:43
Succede a Trento e sono le forze messe in campo dalla Croce Rossa per aiutare l'azienda sanitaria nella campagna vaccinale. Tutto questo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato