Contenuto sponsorizzato

Fondazione Mach, sfuma il progetto Human Technopole

Nell’area occupata da Expo Milano doveva sorgere un articolato complesso di strutture e laboratori di ricerca che avrebbero ospitato i migliori esperti in materia di salute dell'uomo, della biodiversità e delle piante. Tre ambiti racchiusi nella sigla One Health Centre
Dal blog di Sergio Ferrari - 19 aprile 2018 - 22:37

Tra le ricadute positive dell’Expo di Milano 2015 merita evidenza la nascita di un progetto scientifico intitolato Human Technopole.

 

Nell’area occupata dall’esposizione internazionale doveva sorgere un articolato complesso di strutture e laboratori di ricerca che avrebbero ospitato i migliori esperti in materia di salute.

 

Dell’uomo, della biodiversità e delle piante. Tre ambiti racchiusi nella sigla One Health Centre. Sette i filoni di ricerca. Due dei quali da affidare alla Fondazione Mach.

 

A tutt’oggi si sa che nell’area saranno trasferite le strutture e il personale di alcune facoltà scientifiche dell’Università di Milano.

 

Il nuovo direttore designato di nazionalità scozzese scelto dopo la dismissione del primo prescelto, doveva essere convocato dal ministro dell’agricoltura Maurizio Martina che però si è dimesso per i noti motivi il giorno prima dell’incontro. La prosecuzione dell’iniziativa passa quindi nelle competenze del futuro Governo

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 giugno - 13:40

Lanciato in grande stile al momento dell'iniziativa si sa solo che sarà gestita da Samaden e vuole andare a creare una rete di scuole ''No Drugs''. Il nuovo esperto della Pat a domanda ha risposto: ''Più che i numeri ho la mia percezione quotidiana. Ho visto in questi anni una serie di cose molto concrete a cominciare dall’abbassamento della concetto di rischio''

17 giugno - 12:09

E' successo ieri pomeriggio a Lonato del Garda a un ragazzo di Desenzano trovato in un rimessaggio barche in arresto cardiaco

17 giugno - 06:01

Quando ci si è resi conto di essere tanti con le stesse necessità, ci si è mossi per contattare ditte specializzate. La scelta è ricaduta su un’impresa che dispone di collaboratori e mezzi con competenze specifiche nell’intervento sugli schianti boschivi. A marzo 2019 i lavori sono iniziati e chi sale da Vattaro verso il passo della Fricca inizia ad apprezzarne i risultati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato