Contenuto sponsorizzato

Il mais di Storo sempre ai massimi livelli di notorietà, ma quello di Caldonazzo vive un momento difficile

Il marchio Caldonazzo Spin è proprietà dell’azienda de Bellat che lo concede in uso all’Associazione. Dai 16 ettari i 24 agricoltori coinvolti nel 2018 hanno ricavato complessivamente 500 quintali di granella
Dal blog di Sergio Ferrari - 11 marzo 2019 - 20:42

Mentre il mais nostrano di Storo e la farina da polenta che se ne ricava rimangono saldi al massimo livello di notorietà, si fa sempre più difficile il mantenimento della coltivazione del mais Caldonazzo Spin dalla cui granella si ricava la farina da polenta della Valsugana.

 

Fino a qualche anno fa gli ettari coltivati erano circa 30. Nel 2018 risultavano dimezzati. Raimondo Rinaldi che collabora a tempo parziale con l’Associazione tutela farina della Valsugana fornisce alcune notizie sulla situazione.

 

Il marchio Caldonazzo Spin è proprietà dell’azienda de Bellat che lo concede in uso all’Associazione. Dai 16 ettari i 24 agricoltori coinvolti nel 2018 hanno ricavato complessivamente 500 quintali di granella.

 

Il conferimento al deposito della de Bellat è coordinato dall’associazione che provvede a consegnare la granella essiccata al mulino Agostini di Caldonazzo, che si occupa della molitura, dell’insacchettamento della farina e dello stoccaggio temporaneo delle confezioni.

 

Il rilancio dell’intero progetto potrebbe partire dal consiglio di amministrazione dell’azienda de Bellat recentemente rinnovato. 

Potrebbe interessarti anche
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 18:41

Il presidente della Provincia rincara la dose dopo quanto accaduto ieri sera e annuncia segnalazioni per chi è entrato dalle porte laterali. Porte che erano aperte per un incontro pubblico con cittadinanza invitata. La ricostruzione delle associazioni che hanno protestato: ''Il gesto finale di Bisesti è stato un gesto gravissimo e pericoloso, fascista nei significati come nella pratica''

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato