Contenuto sponsorizzato

Il Punteruolo ''grazia'' il cavolo cappuccio da crauti dopo aver distrutto buona parte delle specie estive

Il piccolo coleottero perfora con il rostro solo la nervatura delle foglie esterne che vengono levate anticipatamente mentre la testa rimane integra
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 27 November 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La superficie complessiva occupata da cavolo cappuccio tardivo da crauti coltivata da agricoltori associati al Consorzio Val di Gresta raggiunge i 4 ettari rappresentati in buona parte da campi di dimensioni ridotte. Il conteggio va fatto quindi tenendo come unità di misura un campo di 1000 metri quadrati. Su questa superficie si coltivano 2000 piante dalle quali si ottengono cavoli del peso di 3-4 chili. Il peso varia anche in base alla zona di coltivazione.

 

I 3 chili si raggiungono nella parte alta della valle dove manca l’irrigazione, mentre nella zona bassa si raggiungono i 4-5 chili grazie alla disponibilità d’acqua. Le varietà coltivate sono due: Jaguar e Ziclop. Il nuovo insetto scoperto per la prima volta in valle due anni fa denominato Punteruolo o Antonomo quest’anno non ha fatto gravi danni sui cavoli da crauti, mentre ha distrutto buona parte delle due specie estive denominate rispettivamente cavolo a punta e cavolo rotondo.

 

Il piccolo coleottero perfora con il rostro solo la nervatura delle foglie esterne che vengono levate anticipatamente mentre la testa rimane integra.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 January - 13:54

Il 71enne era uscito per un'escursione di scialpinismo nell'area di Valcava in val dei Mocheni senza più fare rientro. A lanciare l'allarme i familiari. Purtroppo Mazzonelli è stato trovato senza vita

27 January - 12:31

Le immagini sono state riprese pochi giorni fa in Val di Fassa. In un primo momento si era pensato a dei lupi ma in realtà all’inseguimento dell’ungulato c’erano due cani. La forestale avvia gli accertamenti per risalire al proprietario degli animali

27 January - 12:22

Gli accertamenti della polizia locale della valle del Chiese sono ancora in corso per verificare anche la posizione dell'hotel e per capire se i clienti siano stati indotti a ritenere questo spostamento legittimo nonostante il centro benessere della struttura non fornisce prestazioni sanitarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato