Contenuto sponsorizzato

Il rame è stato limitato, arrivano nuovi formulati per la viticoltura

La recente limitazione della quantità massima di rame da utilizzare in viticoltura ha indotto le ditte produttrici di agrofarmaci a mettere a punto e proporre già dalla stagione in corso nuovi formulati a base dell’elemento che si usa dalla seconda metà dell’800
Dal blog di Sergio Ferrari - 14 aprile 2019 - 21:55

La recente limitazione della quantità massima di rame da utilizzare in viticoltura ha indotto le ditte produttrici di agrofarmaci a mettere a punto e proporre già dalla stagione in corso nuovi formulati a base dell’elemento che si usa dalla seconda metà dell’800.

 

Merita segnalazione a titolo dimostrativo un prodotto che figura nel catalogo 2019 della ditta Manica di Rovereto. Si tratta di Codimur M a base di rame e mancozeb.

 

Il prodotto non potrà essere utilizzato dai viticoltori trentini che aderiscono al disciplinare di produzione Sqnpi che esclude dalla difesa antiperonosporica l’uso di ditiocarbammati.

 

Potrà invece essere impiegato senza riserve il nuovo formulato della Biogard denominato Heliocuivre.

 

Si tratta di un anticrittogamico rameico a base terpenica che contiene, oltre al rame idrossido, alcoli terpenici ottenuti da resine di conifere che migliorano l’adesività e la persistenza del prodotto irrorato sulle viti. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 giugno - 06:01

I requisiti per la captivazione dell'orso ci sarebbero in quanto viene considerato problematico e troppo confidente. Anche i numeri ci sarebbero per procedere, ma a mancare per l'ok alcune criticità legate a formazione, informazione e prevenzione. Quelle serate che organizzava il centrosinistra nei territori erano propedeutiche anche per adempiere al piano Pacobace

26 giugno - 22:13

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, la Disfida regala ancora un grande spettacolo prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentasei

26 giugno - 21:03

Dal Comune all'Apt, da Trentino Marketing alla Provincia, c'è grande amarezza per il passo indietro dei giallorossi a 72 ore dal raduno. Si valutano quali clausole dell'accordo salvare, ma le penali si aggirano intorno ai 400 mila euro, cioè il costo del ritiro, che sarebbe stato quattro volte tanto rispetto a due anni fa 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato