Contenuto sponsorizzato

Ultimo trattamento di stagione contro la Varroa

Il momento dell’intervento, dice l’esperto Paolo Fontana della Fondazione Mach, varia secondo l’altitudine alla quale è a sua volta collegata la sospensione della covata
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 18 novembre 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il trattamento di fine stagione contro la Varroa va eseguito prima dell’inverno in assenza di covata seguendo due modalità alternative: per gocciolamento o facendo sublimare (da solido a gas) il prodotto posto su una piastra elettrificata da introdurre nell’alveare attraverso l’apertura basale dell’arnia.

 

Il momento dell’intervento, dice l’esperto Paolo Fontana della Fondazione Mach, varia secondo l’altitudine alla quale è a sua volta collegata la sospensione della covata.

 

Quindi parla di trattamento in assenza di covata. Marco Facchinelli, presidente dell’Associazione apicoltori trentini, informa che negli ultimi due mesi l’acaro succhia sangue è ricomparso in misura consistente in varie zone del Trentino.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
10 aprile - 16:22
Sono stati analizzati 2.927 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 22 casi tra over 60 e 19 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare
Cronaca
10 aprile - 17:05
Dopo l'intervento dei pompieri di Salorno e Cauria è stato alzato il livello di allarme a ''incendio grave'' e sul posto sono arrivati ben 22 [...]
Società
10 aprile - 10:43
Dopo le parole di Draghi su chi “salta la fila” per fare il vaccino, uno psicologo trentino si dice pronto a rinunciare alla sua dose già [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato