Contenuto sponsorizzato

Zone del Trentino adatte alla Nosiola, drastico calo di produzione in alcune aree

Se il Pinot grigio assicura un reddito di 20.000/ettaro all’anno e il Nosiola arriva solo a 15.000, nell’arco di 20 anni il viticoltore perde o guadagna 100.000 euro
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 07 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il vitigno Nosiola nel territorio collinare del distretto viticolo che fa capo alla Cantina Vivallis di Nogaredo assicurava fino a non molti anni fa il conferimento di 3 mila quintali di uva, oggi ridotti a 300.

 

Roberto Menegoni, già consulente viticolo di Vivallis, spiega il motivo di un calo così consistente.

 

Se il Pinot grigio assicura un reddito di 20.000/ettaro all’anno e il Nosiola arriva solo a 15.000, nell’arco di 20 anni il viticoltore perde o guadagna 100.000 euro.

 

Le zone adatte alla Nosiola (media collina, terreni magri) esistono anche nel territorio che fa capo a Vivallis.

 

Nelle stesse oasi vengono bene anche i vitigni Chardonnay e Traminer aromatico che rendono di più in termini contabili.

 

Fino a 200 euro a quintale per il Traminer aromatico con resa massima di 120 quintali di uva a ettaro. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 11:47

Mentre in questi giorni si è assistito a qualcosa di farsesco con i gilet arancioni scesi in piazza per dire che il coronavirus non esiste, che vogliono la lira e dicono no al 5G, con le proteste, separate dai primi, di Casa Pound e altri gruppi di estrema destra, domani si annunciano altre manifestazioni (con Lega e Fratelli d'Italia). Salvini oggi polemizza perché non gli viene concesso di deporre una corona all'Altare della Patria ma l'anno scorso, quando poteva farlo perché era istituzione, non aveva partecipato

01 giugno - 06:01

Il lockdown non ha fermato i giovani e il loro impegno per il futuro: i pensieri dei ragazzi e il loro lavoro con gli insegnanti è continuato e c’è stata la possibilità di portare a conclusione progetti cominciati prima della chiusura delle scuole. Ecco la lettera con le proposte della seconda media. La prof: ''Aspetteremo la risposta, poiché speriamo di venire presi in considerazione e, quando la riceveremo la condivideremo anche con i vostri lettori''

01 giugno - 10:21

Questo pomeriggio è previsto un incontro in videoconferenza tra associazioni e istituzioni per cercare di mettere in campo delle soluzioni. Intanto, però, già ieri in tanti sono finiti in strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato