Contenuto sponsorizzato

Niente Ikea a Verona? Apriamola in Trentino, sarebbe un'occasione e porterebbe un migliaio di posti lavoro

Potrebbe essere un banco di prova della nuova giunta e degli assessori allo sviluppo Spinelli ed al commercio ed artigianato Failoni, creare le condizioni per attrarre la multinazionale del mobile sul nostro territorio. Si potrebbe fare un lavoro simile a quello fatto da Olivi ed Andreatta con Vetri Speciali, che resero possibile in breve tempo far partire lo stabilimento a Spini di Gardolo
Dal blog di Walter Alotti - 10 aprile 2019 - 12:26

La notizia che Ikea, il colosso svedese del mobile low cost non sia riuscito a realizzare il proprio centro commerciale e di deposito a Verona potrebbe trasformarsi in un'ottima occasione di insediamento commerciale e industriale per il Trentino. Certo non mancano le aree commerciali ed industriali collegate all'autostrada ed alla ferrovia, sia a Trento che a Rovereto e certo un migliaio di posti lavoro potrebbe essere utile al nostro territorio, alla luce delle crisi aziendali industriali e commerciali già in atto, che di quelle che si profilano purtroppo per la congiuntura economica negativa che sappiamo investirà l'Italia ed il Trentino.

 

Potrebbe essere un banco di prova della nuova giunta e degli assessori allo sviluppo Spinelli ed al commercio ed artigianato Failoni, creare le condizioni per attrarre la multinazionale del mobile sul nostro territorio. Certo si dovrebbe fare un lavoro simile a quello fatto da Olivi ed Andreatta con Vetri Speciali, che resero possibile in breve tempo far partire lo stabilimento a Spini di Gardolo, soprattutto per la celerità e la serietà amministrativa di Provincia e Comune nel predisporre e rilasciare le autorizzazioni necessarie ad insediare l'azienda ed a farla partire i motivi, pare di capire, che non hanno permesso ad Ikea di insediarsi nel veronese.

 

Una bella sfida per i neo amministratori del Trentino. Riguardo alle possibili e sicuramente contrarie voci dei commercianti ed artigiani trentini, che già qualche tempo fa si dichiararono contrari all'insediamento di questa grande azienda in Trentino, potrebbero anch'essi coglierla come un'occasione per diventare fornitori del gruppo svedese, come capitato già in Friuli, in  Veneto e Lombardia.

 

E poi, perché mai le categorie che tanto spingono per la realizzazione della Valdastico, infrastrutture che sicuramente innalzerebbe il livello della concorrenza con la formidabile realtà commerciale ed artigiana del Veneto, dovrebbero temere l'insediamento di un attrattivo ed efficiente competitor, volano economico di rilievo, per tutti i territori dove si è insediato? La Uil, certa comunque che - per il tipo di commercio e prodotti - Ikea non andrebbe in concorrenza con le aziende locali, attende risposta.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 giugno - 06:01

I requisiti per la captivazione dell'orso ci sarebbero in quanto viene considerato problematico e troppo confidente. Anche i numeri ci sarebbero per procedere, ma a mancare per l'ok alcune criticità legate a formazione, informazione e prevenzione. Quelle serate che organizzava il centrosinistra nei territori erano propedeutiche anche per adempiere al piano Pacobace

26 giugno - 22:13

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, la Disfida regala ancora un grande spettacolo prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentasei

26 giugno - 21:03

Dal Comune all'Apt, da Trentino Marketing alla Provincia, c'è grande amarezza per il passo indietro dei giallorossi a 72 ore dal raduno. Si valutano quali clausole dell'accordo salvare, ma le penali si aggirano intorno ai 400 mila euro, cioè il costo del ritiro, che sarebbe stato quattro volte tanto rispetto a due anni fa 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato