Contenuto sponsorizzato

Case gratis per ripopolare la montagna. Luserna lancia il co-living. Unica condizione: inserirsi nella comunità

La Provincia di Trento, il Comune di Luserna e Itea firmano un accordo per mettere a disposizione di 4 giovani famiglie degli appartamenti gratis per 4 anni. Il progetto, ideato dall'assessora Segnana, mira a ripopolare la montagna e a creare comunità. E intanto si studia come esportare il modello agli altri territori provinciali

Di Davide Leveghi - 13 settembre 2019 - 20:40

LUSERNA. Una misura per combattere lo spopolamento delle valli e della montagna. È questa la finalità del piano di co-living firmato stamane da Provincia di Trento, Comune di Luserna, Magnifica comunità degli Altipiani Cimbri e Itea spa, con cui si istituisce un bando per offrire a quattro giovani famiglie con o senza figli la possibilità di diventare autonome, costruire un proprio progetto di vita e contribuire allo sviluppo e alla vita di un territorio montano.

 

L'idea, promossa dall'assessora alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana, punta a riutilizzare alloggi rimasti inutilizzati negli ultimi cinque anni mettendoli a disposizione gratuitamente per quattro anni a giovani nuclei familiari, attraverso un'iniziativa che da Luserna si vuole esportare a tutto il Trentino. A riguardo è stata coinvolta la Fondazione Demarchi, affinché venga elaborata una metodologia unica per tutti i territori.

 

"Stiamo facendo un'analisi su tutto il territorio provinciale per capire quanti alloggi simili a questi ci sono in Trentino – ha spiegato Salvatore Ghirardini, presidente di Itea - speriamo appunto di estendere il progetto e di abbassare la percentuale di alloggi sfitti"

 

Radicare le persone sul territorio è per noi una tematica centrale – ha affermato il presidente di giunta Maurizio Fugatti – se la montagna si spopola l'autonomia avrà perso una delle sue principali peculiarità, è in questi territori che ci sono le radici della nostra autonomia”. “Con questo progetto – aggiunge l'assessora Segnana – i territori potranno crescere accogliendo le giovani famiglie: puntiamo infatti a favorire una ripresa della natalità, sostenendo le reti sociali che rendono vitali le piccole realtà delle valli”.

 

Non a caso l'inserimento nelle comunità rappresenta uno dei punti cardine del progetto, accanto al rallentamento del progressivo abbandono della montagna da parte delle nuove generazioni e alla diffusa difficoltà per le giovani famiglie nel reperire alloggi a prezzi sostenibili. I 4 nuclei selezionati per vivere gratuitamente nelle case Itea verranno accompagnati da esperti di processi partecipati, che li sosterranno nel processo di coinvolgimento nella realtà ospitante e nella sua comunità.

 

A ribadire questo aspetto è lo stesso sindaco di Luserna, Luca Nicolussi Paolaz, che nel suo intervento in lingua cimbra ha dichiarato: “Luserna è un paese di montagna che vuole essere fedele alle sue caratteristiche storiche, culturali e naturalmente linguistiche. Questo progetto mira ad attirare e a far rimanere da noi giovani famiglie o coppie e, soprattutto, non si tratta di un progetto socio-assistenziale, punta a rafforzare la residenzialità attraverso nuove famiglie, punta a costruire comunità”.

 

Il bando è aperto a giovani famiglie, selezionate da un gruppo di lavoro sulla base di criteri come l'età, la condizione familiare, la residenza, la motivazione, la presenza o meno di figli. Gli appartamenti messi a disposizione nel comune di Luserna, di proprietà Itea spa, non sono arredati, sono gratuiti per 4 anni anni e a carico degli affittuari rimarranno solo utenze e spese ordinarie. Al termine del periodo, gli inquilini decideranno se lasciare l'alloggio o se rimanere corrispondendo un canone agevolato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

17 febbraio - 20:04

Uno spazio nuovo, contemporaneo, che si troverà all'inizio di via Suffragio in piazzetta Nicolò Rasmo. L'iniziativa è di Filippo Sartori e l'apertura è prevista tra aprile e maggio. Piatti della cucina italiana/mediterranea, anche per palati vegetariani

17 febbraio - 12:26

Sono state chiuse nei giorni scorsi le indagini preliminari che riguardavano appalti e subappalti per le Sae (Soluzioni abitative di emergenza) nelle Marche. Nell'inchiesta anche il consorzio Gips di Trento 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato