Contenuto sponsorizzato

Frana crolla nella notte sulla strada per la Val di Gresta. Tecnici al lavoro e provinciale riaperta

Il dissesto si è verificato all'altezza di Loppio sul primo tornante a salire dalla Loppio-Busa. Dopo una notte di lavoro ora la strada torna percorribile

Pubblicato il - 14 luglio 2019 - 11:53

LOPPIO. Una frana ha causato la chiusura della strada provinciale 88 della Val di Gresta per qualche ora, questa notte. I massi si sono staccati dall'alto e fortunatamente non hanno colpito nessun veicolo perché il distacco è avvenuto intorno a mezzanotte e mezzo e quindi la strada era libera.

 

Grosse pietre e materiale detritico sono andata a invadere entrambe le carreggiate all'altezza del primo tornante della strada che da Loppio sale verso la Val di Gresta. Circa un chilometro dopo la rotonda che collega la Sp88 alla Loppio Busa, la statale 240, la strada è stata interrotta per tutta la notte con i tenici della Pat al lavoro per portare via i detriti e per mettere in sicurezza la zona onde evitare ulteriori dissesti e crolli dall'alto.

 

 

La viabilità è stata interrotta su entrambe le corsie di marcia fino all'alba e proprio in queste ore è stata completamente riattivata. Pietre e detriti sono stati, infatti, accumulati a bordo strada (proprio in quel punto c'è uno spiazzo) e la provinciale, ora, è nuovamente percorribile senza pericolo. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 luglio - 06:01

Il 15 luglio il ministro Salvini ha mandato una circolare a tutti i prefetti. L’obiettivo del Viminale è quello di avere un quadro chiaro sui campi abusivi "per predisporre un piano di sgomberi". Franzoia: " A queste persone devono essere offerte delle alternative. Il Governo dovrebbe stanziare delle risorse che invece non ci sono"

 

 

23 luglio - 08:24

Le violenze sono iniziate circa due anni fa. Il compagno si è trasformato in una vero e proprio aguzzino. Ad inizio luglio, però, ha trovato il coraggio di denunciarlo e l'uomo è stato subito arrestato 

22 luglio - 19:22

In aula il presidente della Provincia ha ribadito più volte che non c'è compatibilità tra grandi carnivori e agricoltura e allevamento di montagna rischiando di svilire dei progetti apprezzati e premiati in tutta Europa che possono essere migliorati ma hanno già raggiunto grandi risultati (170.000 euro di danni in un anno per le 100-120 unità tra orsi e lupi sono circa 1.500 euro a grande carnivoro, cifre migliorabili ma comunque molto basse)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato