Contenuto sponsorizzato

Maltempo in Trentino, neve a quote basse e temperature sottozero: giovedì previste le gelate

Nelle prossime ore il limite nelle nevicate scenderà a 900 metri. Temperature in ulteriore calo a partire da questa sera e giovedì mattina sono probabili diffuse gelate  

Pubblicato il - 12 novembre 2019 - 08:02

TRENTO. Una nuova ondata di maltempo sul Trentino porterà nelle prossime ore ad un ulteriore calo delle temperature e a nevicate anche a quote basse.

 

Se la neve in questa prima parte della giornata avrà come limite 1500 metri, nel corso di questo pomeriggio-sera calerà fino ai 900 metri circa e nelle valli chiuse la neve potrebbe scendere anche a quote inferiori e localmente fino a fondovalle.

Il brutto tempo e la neve di queste ore sono da attribuire a un flusso atlantico particolarmente attivo sull’Italia che riesce a determinare precipitazioni copiose che, unitamente a un abbassamento delle temperature, sono risultate e risulteranno nevose a quote relativamente basse.

 

Le precipitazioni continueranno anche per la giornata di domani con un attenuarsi nelle ore serali. Giovedì, invece, è probabile un calo delle temperature al mattino con diffuse gelate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 luglio - 11:42

Mentre in consiglio provinciale le opposizioni non sono riuscite a votare contro il ddl Failoni ma al massimo si sono astenute o non hanno votato (con il Pd che ha criticato il metodo e il fatto che la norma è incostituzionale e non il merito e quindi le chiusure stesse) il candidato sindaco Marcello Carli usa parole molto più nette contro la scelta della maggioranza leghista: ''Io dico 'no' a questo approccio deprimente, depressivo, isolazionista e occupazionalmente lesivo dei diritti della cittadinanza''

03 luglio - 11:04

A causa, infatti del Covid, il decreto flussi che di solito veniva approvato a marzo, non è stato fatto. Quindi le tante persone che arrivano in Italia, secondo le richieste delle varie regioni, sono ancora tutte ferme

03 luglio - 06:01

Da una parte l'assessore sbandiera "tutto il Trentino ha valenza turistica" per portare avanti la riforma e dall'altro nei fatti si auto-smentisce perché "Ogni Comune ha un diverso grado di turisticità".  La vocazione turistica sembra un concetto da piegare alla convenienza, come è più comodo alla Lega di governo in un determinato momento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato