Contenuto sponsorizzato

Pronti, via ed è tamponamento a catena sulla Strada del Vino

Quattro auto sono rimaste coinvolte nell'incidente. Disagi alla viabilità. Sul posto i vigili del fuoco di Caldaro hanno garantito il traffico e pulito la strada

Pubblicato il - 20 gennaio 2019 - 17:56

CALDARO. Quando si dice un tamponamento a catena. Questo pomeriggio la Strada del Vino è rimasta parzialmente bloccata all'altezza della frazione di Pianizza di Sotto nella zona di Caldaro. La ragione? Quattro macchine hanno finito per tamponarsi l'una con l'altra all'altezza di un semaforo che serve anche da passaggio pedonale.

 

Un semaforo posizionato, lungo la Ss42, di recente proprio perché in quel tratto, un lungo rettilineo che sfila davanti alla chiesetta della zona, le auto troppo spesso raggiungono eccessive velocità. E il semaforo scatta proprio per tutelare i pedoni. Nel caso di specie, però, le macchine sarebbero partite da ferme. Un'indecisione della prima vettura, probabilmente, ha scatenato l'effetto a catena anche per un mancato rispetto delle distanze di sicurezza.

 

 

Un tamponamento dietro l'altro che, fortunatamente, non ha provocato feriti ma ha comunque bloccato la viabilità. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Caldaro che hanno gestito il traffico istituendo un senso alternato sulla corsia diretta verso sud e pio si sono occupati della pulizia strade. Gli automobilisti, nel frattempo, hanno provveduto alle constatazioni amichevoli e sul posto sono arrivate anche le forze dell'ordine. 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato