Contenuto sponsorizzato

Pronti, via ed è tamponamento a catena sulla Strada del Vino

Quattro auto sono rimaste coinvolte nell'incidente. Disagi alla viabilità. Sul posto i vigili del fuoco di Caldaro hanno garantito il traffico e pulito la strada

Pubblicato il - 20 gennaio 2019 - 17:56

CALDARO. Quando si dice un tamponamento a catena. Questo pomeriggio la Strada del Vino è rimasta parzialmente bloccata all'altezza della frazione di Pianizza di Sotto nella zona di Caldaro. La ragione? Quattro macchine hanno finito per tamponarsi l'una con l'altra all'altezza di un semaforo che serve anche da passaggio pedonale.

 

Un semaforo posizionato, lungo la Ss42, di recente proprio perché in quel tratto, un lungo rettilineo che sfila davanti alla chiesetta della zona, le auto troppo spesso raggiungono eccessive velocità. E il semaforo scatta proprio per tutelare i pedoni. Nel caso di specie, però, le macchine sarebbero partite da ferme. Un'indecisione della prima vettura, probabilmente, ha scatenato l'effetto a catena anche per un mancato rispetto delle distanze di sicurezza.

 

 

Un tamponamento dietro l'altro che, fortunatamente, non ha provocato feriti ma ha comunque bloccato la viabilità. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Caldaro che hanno gestito il traffico istituendo un senso alternato sulla corsia diretta verso sud e pio si sono occupati della pulizia strade. Gli automobilisti, nel frattempo, hanno provveduto alle constatazioni amichevoli e sul posto sono arrivate anche le forze dell'ordine. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 aprile - 12:47
Questa pratica di utilizzare i teli è stata sperimentata nel 2011 sul ghiacciaio Presena sul Tonale. Un provvedimento importante, ma non risolutivo, ormai i ghiacciai si ritirano in modo sempre più evidente e veloce. Serve in particolare per salvare la stagione invernale
26 aprile - 06:01

Magari sono studenti "fuori corso", ma sembra che ognuno abbia il suo compito, c'è quello che gestisce e controlla dall'esterno, un palo all'interno per monitorare gli spostamenti degli uomini della sicurezza e quindi solitamente in cortile ecco il mercato, si contratta e acquista

25 aprile - 21:44

Tra i primi, in assoluto, a mobiliarsi per intercettare possibili radiazioni scese in campo il laboratorio di Fisica atomica e molecolare della Facoltà di Scienze di Povo, sopra Trento. Il professore Zecca: "Il ruolo degli scienziati è essenziale per rilevare e divulgare possibili – anche minimi, quasi impercettibili – pericoli per la qualità della nostra vita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato