Contenuto sponsorizzato

Si mette alla guida ubriaco alle 6.30 e causa un incidente. Aveva un tasso alcolemico 4 volte quello consentito dalla legge

L'uomo è stato denunciato e l'auto su cui viaggiava è stata sequestrata. Nei controlli dei carabinieri è stato fermato anche un giovane del Primiero per possesso di eroina 

Pubblicato il - 13 marzo 2019 - 08:29

CAVALESE. Si è messo alla guida ubriaco causando poi un incidente. E' successo lunedì mattina alle 6.40.

 

Il nucleo radiomobile in collaborazione con la stazione dei Carabinieri di Molina sono intervenuti per rilevare un incidente stradale a Cavalese. Nei diversi controlli è stato effettuato anche quello alcolemico sulle parti coinvolte. Rilevando, in una queste, un tasso di ben quasi 4 volte quello consentito ai termini di legge.

 

L'uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria ai sensi dell’articolo 186 del Codice della strada per guida in stato d’ebrezza ed il mezzo in suo uso sequestrato.

 

I controlli effettuati dai carabinieri di Cembra-Lisignago e San Giovanni Di Fassa – Sen Jan e dalle gazzelle del Nucleo Radiomobile nel territorio di competenza, in quest’ultimo periodo, hanno consentito di rilevare in totale 6 infrazioni di particolare gravità a carico di alcuni soggetti che si mettevano alla guida dopo aver abusato in maniera considerevole di bevande alcoliche.

 

Nella rete dei militari è inoltre finito anche un giovane residente in Primiero, già noto ai carabinieri, che sottoposto ad un approfondita verifica è stato trovato in possesso di alcune dosi di eroina poste poi sotto sequestro.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 18:41

Il presidente della Provincia rincara la dose dopo quanto accaduto ieri sera e annuncia segnalazioni per chi è entrato dalle porte laterali. Porte che erano aperte per un incontro pubblico con cittadinanza invitata. La ricostruzione delle associazioni che hanno protestato: ''Il gesto finale di Bisesti è stato un gesto gravissimo e pericoloso, fascista nei significati come nella pratica''

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato