Contenuto sponsorizzato

A Trento arriva 'La Maison de Filip', stile contemporaneo con un pizzico di nordicità e minimalismo. Il 27enne Filippo Sartori realizza il suo sogno

Uno spazio nuovo, contemporaneo, che si troverà all'inizio di via Suffragio in piazzetta Nicolò Rasmo. L'iniziativa è di Filippo Sartori e l'apertura è prevista tra aprile e maggio. Piatti della cucina italiana/mediterranea, anche per palati vegetariani

Di G.Fin - 17 febbraio 2020 - 20:04

TRENTO. Bistrot durante il giorno e ristorante gourmet la sera, uno spazio nuovo, contemporaneo, volto allo stile nordico con diverse contaminazioni che lo personalizzano. Un luogo che sappia allo stesso tempo offrire piatti che richiamano i profumi della tradizione trentina ma anche sperimentare e far scoprire altri e nuovi sapori.

 

Si chiamerà “La Maison De Filip” il nuovo locale che aprirà i battenti tra aprile e maggio a Trento, in piazzetta Nicolò Rasmo 7, all'inizio di via Suffragio, in una delle vie più belle e caratteristiche della città.

 

A realizzare il proprio sogno è Filippo Sartori, un “figlio d'arte” possiamo definirlo, cresciuto da sempre nell'ambiente della ristorazione. La famiglia Sartori, infatti, nel 1966 ha fatto nascere a Lavis l'Hotel Sartori's, una delle strutture più conosciute e di livello in Trentino.

Filippo dopo essere cresciuto in questo ambiente ha deciso di studiare per accrescere ancora di più il proprio bagaglio culturale. “A 14 anni – ci racconta – mi sono iscritto alla scuola alberghiera di Levico e poi ho preso la maturità all'istituto tecnico alberghiero di Tione. Ho fatto la gavetta con diverse esperienze anche a Londra per poi tornare in Italia e proseguire con una laurea in scienze e tecnologie della ristorazione a Milano che ho terminato da poco”.

 

Non solo quindi la capacità di “spadellare” ma anche la passione che l'ha guidato nell'approfondire questa sua professione. Un percorso che lo ha portato anche in Portogallo dove ha svolto uno studio di ricerca su alcune proteine del latte usate poi come scopo di sicurezza alimentare nei prodotti di carne pesce e verdura. Ora, però, a 27 anni la voglia di mettersi in gioco, di mostrare quello che fino ad oggi ha imparato e soprattutto far amare i propri piatti.

 

“Avevo un sogno e ce l'ho messa tutta per realizzarlo – ci racconta – e finalmente ci sto riuscendo”. I lavori sanno proseguendo da qualche tempo con la messa a norma degli spazi che fino ad alcuni anni fa ospitavano un negozio di abbigliamento a pochissimi passi da passaggio Dorigoni.

La “Maison de Filip” sarà un locale per pranzi veloci, di lavoro, e adatto a tutti ma anche cene più eleganti, dove potersi concedere qualche ora di vero relax. All'interno ci sarà la disponibilità di circa 24 coperti, con cucina a vista e una sala che sarà circondata da vetrate. “Useremo prodotti anche dal territorio perché offriremo piatti della tradizione – ci racconta Filippo – ma non solo. Verranno preparati piatti di carne, pesce, e ci sarà anche qualche piatto per il palato dei vegetariani. Adoro le stagioni adoro il cambio di stagione e per questo la mia frutta e la mia verdura saranno abbinate al periodo dell’anno in cui ci si trova in modo da avere sempre un prodotto fresco, di qualità e stagionalità". 

 

Tutta la cucina, come già detto, sarà visibile. “La nostra intenzione e mostrare ogni singolo passaggio per far conoscere come saranno realizzati i piatti e la qualità che offriamo”. Pasta, pane e tanto altro verrà realizzato “in casa”. In tutto saranno quattro le persone impegnate.

 

“Finalmente ci sto riuscendo con tanti  sacrifici e altrettanta voglia di mettermi in gioco e far parlare della mia idea culinaria” conclude Filippo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 luglio - 11:42

Mentre in consiglio provinciale le opposizioni non sono riuscite a votare contro il ddl Failoni ma al massimo si sono astenute o non hanno votato (con il Pd che ha criticato il metodo e il fatto che la norma è incostituzionale e non il merito e quindi le chiusure stesse) il candidato sindaco Marcello Carli usa parole molto più nette contro la scelta della maggioranza leghista: ''Io dico 'no' a questo approccio deprimente, depressivo, isolazionista e occupazionalmente lesivo dei diritti della cittadinanza''

03 luglio - 11:04

A causa, infatti del Covid, il decreto flussi che di solito veniva approvato a marzo, non è stato fatto. Quindi le tante persone che arrivano in Italia, secondo le richieste delle varie regioni, sono ancora tutte ferme

03 luglio - 06:01

Da una parte l'assessore sbandiera "tutto il Trentino ha valenza turistica" per portare avanti la riforma e dall'altro nei fatti si auto-smentisce perché "Ogni Comune ha un diverso grado di turisticità".  La vocazione turistica sembra un concetto da piegare alla convenienza, come è più comodo alla Lega di governo in un determinato momento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato