Contenuto sponsorizzato

Identificato l'orso del Peller che Fugatti vuole abbattere. E' una femmina, JJ4, la seconda orsa più anziana in Trentino

La Pat al momento non è in grado di dire se l'orsa abbia con se dei cuccioli o no ma dai confronti genetici è emerso che è una delle figlie di Jurka 

Foto archivio di JJ4 del 2014 con tre cuccioli
Di Luca Pianesi - 03 luglio 2020 - 13:13

TRENTO. Identificato l'orso che ha aggredito due persone sul monte Peller il 22 giugno. Si tratta di una femmina di 14 anni i cui dati genetici corrispondono a quelli di JJ4 del quale al momento la Provincia di Trento dichiara di ''non essere in grado di dire se sia o meno accompagnata da cuccioli''. Anche se l'aggressione, per come si è consumata potrebbe far pensare proprio a questo tipo di dinamica soprattutto alla luce del fatto che JJ4 è una delle orse più anziane che ci sono in Trentino (la seconda più anziana stando ai grafici ufficiali) e sin da cucciola (era il 2008) veniva definita ''contrariamente alle aspettative sembrano essere molto più schivi della madre: la femmina (JJ4 ndr) si è fatta vedere molto poco''.

 

 

La madre in questione era Jurka, un'orsa problematica catturata nel 2006 dalla Provincia di Trento che si aggirava sul territorio del comune di Terres, ai margini della Valle di Tovel. In quel caso (altri tempi verrebbe da sottolineare) la Pat aveva preparato una richiesta, al ministero dell'Ambiente, per ottenere appunto l'autorizzazione - approvata - a "rimuovere" il grosso plantigrado, che stava esagerando nel procurare danni e creando preoccupazioni. Portata al Casteller poi era stata trasferita in Germania in un luogo molto più grande e accogliente.

 

''L’iniziativa - si leggeva sul sito Grandi Carnivori della Pat - è nata in seguito ad una richiesta della Fondazione per orsi di Worbis in Germania che, con il supporto dell’Associazione ambientalista per la protezione degli animali 'No alla Caccia', ha offerto alla Provincia autonoma di Trento la disponibilità ad ospitare Jurka in questo grande parco tedesco, il cui allestimento è stato da poco ultimato. L'area, situata in una valletta boscata attraversata da un ruscello, è destinata proprio all’accoglienza di orsi provenienti dalla cattività, al fine di migliorarne le condizioni di vita ed allo stesso tempo attivare iniziative di formazione e di didattica sulla conservazione dei grandi carnivori''.

 

JJ4 sarebbe stata identificata dalle analisi genetiche condotte sui campioni organici e salivari presenti sui vestiti  delle due persone aggredite. In applicazione all'ordinanza di abbattimento firmata in fretta e furia dal presidente Fugatti senza nemmeno aver ricostruito la dinamica dell'attacco, avvenuto comunque nel bosco e non vicino a dei centri abitati, e senza sapere nemmeno se si trattasse di una femmina con cuccioli o meno, saranno avviate le attività di cattura finalizzate a rendere possibile il riconoscimento e la localizzazione dell'esemplare anche attraverso la conduzione di ulteriori analisi genetiche ''i cui tempi - conclude la Pat - non è possibile determinare in considerazione delle oggettive difficoltà tecniche''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 agosto - 15:59

La comunità di frati francescani è presente nel paese dal 1685, quando occuparono l’antico podere un tempo appartenuto ai Conti del Tirolo. All'origine di questa scelta c'è la carenza di vocazioni. Don Albino ha scritto una lettera dove spiega la situazione e auspica che non ci siano interventi speculativi sulla struttura

03 agosto - 21:08

Sono stati approvati, in particolare, i criteri di concessione del sostegno, un intervento straordinario per fronteggiare le gravi conseguenze sociali e economiche causate dal coronavirus, che puntano soprattutto a contrastare gli effetti negativi sui livelli occupazionali e quindi sui redditi delle famiglie. Cgil, Cisl e Uil: "Ci è voluto un emendamento delle minoranze per raggiungere questo risultato"

04 agosto - 12:39

Il professore di fisica dell’atmosfera dell’Università di Trento Dino Zardi fornisce una spiegazione rispetto ai fenomeni atmosferici che stanno interessando il Trentino: “Niente allarmismi, ma occorre prestare attenzione alle allerte della protezione civile, spesso si rischia di sottovalutare la precipitazione”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato