Contenuto sponsorizzato

Rischiata una strage, quattro persone alla fermata dell'autobus sfiorate dal veicolo che si è schiantato sulla recinzione

Attimi di spavento e quindi le persone alla fermata dell'autobus si sono precipitate per tirare fuori dall'abitacolo il conducente di 76 anni

Pubblicato il - 17 febbraio 2020 - 16:43

ROMAGNANO. E' stata rischiata una strage ieri mattina, domenica 16 febbraio, a Romagnano, quando un'auto è finita fuori strada all'altezza della fermata dell'autobus lungo la strada provinciale 90.

 

Quattro le persone in attesa del servizio pubblico che si sono viste sfiorare dalla vettura che ha fermato la corsa poco prima contro il palo e una recinzione in via dei Pomari.

 

Attimi di spavento e quindi le persone alla fermata dell'autobus si sono precipitate per tirare fuori dall'abitacolo il conducente di 76 anni.

 

Fortunatamente nessun altro veicolo o persona è rimasta coinvolta nell'incidente. Non è ancora chiara la ragione della perdita di controllo del mezzo, forse un malore oppure una distrazione.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, vigili del fuoco di Romagnano e le forze dell'ordine per effettuare i rilievi, ricostruire la dinamica e gestire il traffico.

 

I pompieri e le forze dell'ordine hanno isolato e messo in sicurezza l'area, mentre il personale sanitario ha prestato le cure del caso al ferito.

 

Il 76enne è stato stabilizzato e quindi trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento per accertamenti e approfondimenti.

 

Il conducente non è in pericolo di vita e fortunatamente solo tanta paura per le persone alla fermata dell'autobus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 aprile - 06:01

In questi giorni, complici le festività di Pasqua, sarebbe dovuta partire la volata per entrare a pieno regime nella stagione estiva. Ma si naviga giocoforza a vista nell'incertezza generale, si cercano strategia e si ragiona sul futuro. Il presidente di Asat, Gianni Battaiola: "Ancora troppo incognite. Intanto puntiamo sulla formazione, non perdiamo i contatti con i clienti e analizziamo il mercato. Ma tanto dipende dalle norme di salute pubblica"

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato