Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Veneto superati i 1.000 casi nelle ultime 24 ore, calano leggermente i ricoveri. Zaia: “Senza vaccini ora gli ospedali sarebbero pieni”

Boom di contagiati in Veneto nella giornata di ieri: 1043 i positivi a fronte di oltre 42mila tamponi, incidenza al 2,47%. Zaia: “In assenza di vaccini avremo almeno 700 posti letto occupati in ospedale, oggi i ricoveri totali sono 156”. Invariato il numero dei decessi

Di Filippo Schwachtje - 30 luglio 2021 - 13:49

TRENTO. Aumentano ancora i numeri del contagio in Veneto: sono 1043 i nuovi casi di Coronavirus individuati nelle ultime 24 ore in regione, a fronte di oltre 42mila tamponi effettuati con zero decessi. Un aumento importante ma i modelli previsionali, ha spiegato il presidente della regione Veneto Luca Zaia in conferenza stampa: “Per questa settimana ci proiettavano a circa 1.500 casi giornalieri”.

 

Ma se sul fronte nuovi contagiati la situazione è tutt'altro che rosea, grazie alla campagna vaccinale negli ospedali veneti il numero di pazienti positivi è calato, rispetto a ieri, di 9 unità, arrivando ad un totale di 156. “I ricoverati in area non critica – ha sottolineato Zaia – sono 139 (-8 rispetto a ieri) e quelli in terapia intensiva 17 (-1). Tenete conto che, rispettivamente, nelle due aree abbiamo raggiunto punte massime di oltre 3.400 e oltre 500 pazienti”.

 

L'ondata che stiamo osservando in questa fase, ha infatti spiegato il presidente veneto: “Ha caratteristiche assolutamente anomale rispetto alle precedenti. Gli aspetti atipici sono almeno due: in primo luogo i tassi di ospedalizzazione sono bassi, il rapporto tra contagiati ed ingressi in ospedale non è in linea con quanto accaduto fino ad oggi. Il secondo aspetto fondamentale è la quantità importante di asintomatici”.

 

Alla base di queste differenze la campagna vaccinale, la cui efficacia si riflette anche nei dati relativi agli ingressi in ospedale. “Dal 22 al 28 luglio – ribadisce Zaia – ci sono stati in tutto 4.157 casi, i non vaccinati sono stati 2.821, i vaccinati parziali 510 e i vaccinati completi 825. Il dato interessante è che per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva tra i vaccinati c'è stato 1 solo caso, tra i non vaccinati 15. In merito agli ingressi in area non critica, sono 26 i ricoveri tra vaccinati e 101 quelli tra non vaccinati. Questo vuol dire che dove non c'è il vaccino il virus mette le radici, dove c'è il vaccino invece ci sono meno problemi, e si vede nei dati”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 settembre - 18:17
Il Disegno di legge sul mobbing e lo straining di cui la senatrice Donatella Conzatti è prima firmataria prevede una definizione ampia ed [...]
Cronaca
20 settembre - 16:00
Sono stati analizzati 1.148 tamponi tra molecolari e antigenici. Ci sono 18 persone in ospedale, di cui 1 in paziente in terapia intensiva
Cronaca
20 settembre - 16:51
Il giovane stava scendendo lungo la strada sterrata da solo quando ha perso il controllo della sua bicicletta, nella caduta il 20enne ha riportato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato