Contenuto sponsorizzato

Scontro auto-bici, morto il bimbo di 10 anni, la sindaca: ''La persona che si trovava nella macchina si è subito fermata e ha fatto tutto il possibile. Una tragedia terribile''

Il piccolo è stato vittima di un grave incidente avvenuto sabato mentre si trovava in bici. Trasportato in gravi condizioni al Santa Chiara, purtroppo, è morto nelle scorse ore. La sindaca Fortarel: "La persona che si trovava nella macchina con la quale si è scontrato il piccolo si è subito fermata e ha fatto tutto il possibile nei primissimi momenti prima che arrivassero i soccorsi. Nemmeno il bimbo, ovviamente, ha colpa"

Di Giuseppe Fin - 21 June 2021 - 20:03

CIVEZZANO. Incredulità e tanto, tanto dolore. La morte del piccolo di 10 anni vittima di un incidente in bici sabato scorso ha gettato nel lutto un'intera comunità. Una famiglia distrutta per aver perso il loro figlio.

 

Il piccolo viveva con mamma e papà a Rovereto e si trovava a Bosco di Civezzano dai nonni materni. Sabato stava trascorrendo qualche ora di spensieratezza in bici quando tutto ad un tratto, all'altezza del bivio con Sant'Agnese si è verificato un impatto molto violento con un'auto: il piccolo era finito a terra e aveva sbattuto la testa sull'asfalto.

 

I soccorsi sono arrivati immediatamente e il bambino è stato trasportato in condizioni disperate all'ospedale Santa Chiara di Trento. Le speranze dei genitori si sono purtroppo infrante nelle scorse quando è arrivata la tragica notizia: il loro figlio non ce l'ha fatta.

 

Un dolore immenso espresso anche nelle parole della sindaca di Civezzano, Katia Fortarel. “Proprio ieri – ci spiega al telefono - avevo sentito il padre per portare un abbraccio virtuale di tutta la comunità. E' una tragedia, in un momento come questo, l'unica cosa da fare è quella di stringersi virtualmente attorno a due genitori che hanno perso il loro figlio di appena 10 anni”.

Nessuno, ha spiegato la sindaca, ha colpe. “Non si può dare la colpa nessuno. La persona che si trovava nella macchina con la quale si è scontrato il piccolo si è subito fermata e ha fatto tutto il possibile nei primissimi momenti prima che arrivassero i soccorsi. Nemmeno il bimbo, ovviamente, ha colpa. Era in momento di spensieratezza” conclude Fortarel.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 luglio - 16:26
 Fortunatamente anche quella di oggi è una giornata senza decessi e resta stabile anche la situazione sul fronte ospedaliero
Cronaca
30 luglio - 16:53
Dopo l'appello lanciato questa mattina dalla famiglia dell'uomo i vigili del fuoco confermano che il 34enne, del quale non si avevano più notizie [...]
Cronaca
29 luglio - 18:58
La Flc Cgil: “Il rientro in presenza non può diventare uno spot, non può essere soltanto evocato, ha bisogno di azioni concrete: non c’è [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato