Contenuto sponsorizzato

''Interpretare significa tradire'': il convegno interdisciplinare di Conservatorio e Università

Tre giorni di lavori tra musica e filosofia con due concerti serali. Gli organizzatori: ''Un laboratorio di proposte di pensiero per il futuro''

Pubblicato il - 26 gennaio 2019 - 19:53

TRENTO. "Non uno scambio dotto tra docenti", ma un vero e proprio laboratorio da cui nascano "proposte di pensiero per il futuro". Questo l'intento della seconda edizione del seminario sull'Interpretazione organizzato dal Conservatorio Bonporti assieme all'Università degli studi di Trento. "Interpretazione: reti di relazioni generate da un'opera d'arte. Tradurre, tradire, trasformare", questa la denominazione completa della tre giorni di lavori che si terrà dal 6 all'8 febbraio prossimi.

 

Organizzato a scavalco, il convegno vedrà distribuiti su diverse sedi anche gli interventi. In particolare ad ospitare i lavori saranno l'Aula magna del Conservatorio in via San Giovanni Bosco, la Sala musica del Dipartimento di lettere e filosofia di via Gar e la Sala della Filarmonica di via Verdi.

 

Responsabili scientifici del programma sono, per l'Università, il professor Marco Uvietta e la professoressa Margherita Anselmi per il Conservatorio.

 

"L'interpretazione è il baluardo dell'attività di un conservatorio - afferma quest'ultima - Ma una buona interpretazione è essenziale anche nel mondo: il concetto ha una valenza etica, strutturale, formativa".

 

L'appuntamento sull'interpretazione è il secondo dopo quello del 2018, un omaggio a Beethoven. Per questa edizione il focus è sul processo stesso, sulle modalità di traduzione del messaggio, sulla trasformazione dello stesso e sui tradimenti che (inevitabilmente, casualmente o volontariamente) avvengono nella comunicazione dello stesso.

 

"Interpretare - chiarisce la professoressa Anselmi - significa anche tradurre, trasformare, tradire. Il primo passaggio, quello della traduzione, è indispensabile per la musica, che, tra l'altro, si basa sul tradurre i segni in suoni. Interpretare non significa clonare il sapere trasmesso, insomma. Il tradimento, poi, è spesso insito nell'interpretazione. C'è un elemento di trasformazione che ne accompagna ogni atto interpretativo e creativo".

 

La docente di pianoforte parla poi degli obiettivi con cui viene organizzato il convegno che prevede anche momenti di ascolto di musica dal vivo: "I relatori interverranno a terne: vogliamo infatti che i concetti espressi non si fermino nel luogo dove verranno pronunciati. Vogliamo che siano proposte di pensiero per il futuro".

 

Da non perdere, il mercoledì e il giovedì a partire dalle 20.30 alla Filarmonica, i concerti serali del convegno. Il primo, quello del 6 febbraio, vedrà tra l'altro un'esecuzione del "Quatuor pour la fin du temps" di Olivier Messiaen proposta da Aldo Campagnari al violino, Lorenzo Guzzoni al clarinetto, Margherita Guarino al violoncello e Calogero Di Liberto al pianoforte. Sempre mercoledì sera è prevista l'esecuzione dei brani dei compositori Marco Uvietta e Massimo Priori.

 

Il giovedì sera il programma prevede, tra l'altro, un'interpretazione del "Trio op. 17" di Clara Wieck-Schumann, della "Suite Algerienne op. 60" di Camille Saint-Saens. Per maggiori dettagli su interventi e concerti si rimanda al programma ufficiale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 aprile - 12:47
Questa pratica di utilizzare i teli è stata sperimentata nel 2011 sul ghiacciaio Presena sul Tonale. Un provvedimento importante, ma non risolutivo, ormai i ghiacciai si ritirano in modo sempre più evidente e veloce. Serve in particolare per salvare la stagione invernale
26 aprile - 06:01

Magari sono studenti "fuori corso", ma sembra che ognuno abbia il suo compito, c'è quello che gestisce e controlla dall'esterno, un palo all'interno per monitorare gli spostamenti degli uomini della sicurezza e quindi solitamente in cortile ecco il mercato, si contratta e acquista

25 aprile - 21:44

Tra i primi, in assoluto, a mobiliarsi per intercettare possibili radiazioni scese in campo il laboratorio di Fisica atomica e molecolare della Facoltà di Scienze di Povo, sopra Trento. Il professore Zecca: "Il ruolo degli scienziati è essenziale per rilevare e divulgare possibili – anche minimi, quasi impercettibili – pericoli per la qualità della nostra vita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato