Contenuto sponsorizzato

''Interpretare significa tradire'': il convegno interdisciplinare di Conservatorio e Università

Tre giorni di lavori tra musica e filosofia con due concerti serali. Gli organizzatori: ''Un laboratorio di proposte di pensiero per il futuro''

Pubblicato il - 26 gennaio 2019 - 19:53

TRENTO. "Non uno scambio dotto tra docenti", ma un vero e proprio laboratorio da cui nascano "proposte di pensiero per il futuro". Questo l'intento della seconda edizione del seminario sull'Interpretazione organizzato dal Conservatorio Bonporti assieme all'Università degli studi di Trento. "Interpretazione: reti di relazioni generate da un'opera d'arte. Tradurre, tradire, trasformare", questa la denominazione completa della tre giorni di lavori che si terrà dal 6 all'8 febbraio prossimi.

 

Organizzato a scavalco, il convegno vedrà distribuiti su diverse sedi anche gli interventi. In particolare ad ospitare i lavori saranno l'Aula magna del Conservatorio in via San Giovanni Bosco, la Sala musica del Dipartimento di lettere e filosofia di via Gar e la Sala della Filarmonica di via Verdi.

 

Responsabili scientifici del programma sono, per l'Università, il professor Marco Uvietta e la professoressa Margherita Anselmi per il Conservatorio.

 

"L'interpretazione è il baluardo dell'attività di un conservatorio - afferma quest'ultima - Ma una buona interpretazione è essenziale anche nel mondo: il concetto ha una valenza etica, strutturale, formativa".

 

L'appuntamento sull'interpretazione è il secondo dopo quello del 2018, un omaggio a Beethoven. Per questa edizione il focus è sul processo stesso, sulle modalità di traduzione del messaggio, sulla trasformazione dello stesso e sui tradimenti che (inevitabilmente, casualmente o volontariamente) avvengono nella comunicazione dello stesso.

 

"Interpretare - chiarisce la professoressa Anselmi - significa anche tradurre, trasformare, tradire. Il primo passaggio, quello della traduzione, è indispensabile per la musica, che, tra l'altro, si basa sul tradurre i segni in suoni. Interpretare non significa clonare il sapere trasmesso, insomma. Il tradimento, poi, è spesso insito nell'interpretazione. C'è un elemento di trasformazione che ne accompagna ogni atto interpretativo e creativo".

 

La docente di pianoforte parla poi degli obiettivi con cui viene organizzato il convegno che prevede anche momenti di ascolto di musica dal vivo: "I relatori interverranno a terne: vogliamo infatti che i concetti espressi non si fermino nel luogo dove verranno pronunciati. Vogliamo che siano proposte di pensiero per il futuro".

 

Da non perdere, il mercoledì e il giovedì a partire dalle 20.30 alla Filarmonica, i concerti serali del convegno. Il primo, quello del 6 febbraio, vedrà tra l'altro un'esecuzione del "Quatuor pour la fin du temps" di Olivier Messiaen proposta da Aldo Campagnari al violino, Lorenzo Guzzoni al clarinetto, Margherita Guarino al violoncello e Calogero Di Liberto al pianoforte. Sempre mercoledì sera è prevista l'esecuzione dei brani dei compositori Marco Uvietta e Massimo Priori.

 

Il giovedì sera il programma prevede, tra l'altro, un'interpretazione del "Trio op. 17" di Clara Wieck-Schumann, della "Suite Algerienne op. 60" di Camille Saint-Saens. Per maggiori dettagli su interventi e concerti si rimanda al programma ufficiale.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato