Contenuto sponsorizzato

Via alle stabilizzazioni, firmato il protocollo d'intesa. Cisl: ''La Provincia si è impegnata a assumere 678 unità''

Il personale attualmente assunto con contratto a tempo determinato per ragioni tecnico-organizzative o sostituzione è stimato in 1.457 unità. A questi numeri si aggiungono 21 unità di personale tecnico-amministrativo per le quali l'azienda provinciale per i servizi sanitari valuta la percorribilità della stabilizzazione

Di Cisl Fp, spazio autogestito - 28 giugno 2018 - 17:48

TRENTO. Via libera alle stabilizzazioni nella pubblica amministrazione. Il protocollo d'intesa è stato sottoscritto da Provincia e sigle sindacali dopo una lunga trattativa. "Siamo ovviamente soddisfatti e il prossimo passo è quello delle assunzioni per garantire la qualità e il funzionamento dei servizi provinciali", queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, in delegazione con Maurizio Speziali e Elisabetta Pecoraro

 

Un piano complesso e articolato per il quale l'amministrazione provinciale ha promosso una valutazione dei fabbisogni, ma anche un'analisi delle situazioni di precariato e del conseguente impatto organizzativo e finanziario delle misure. La Provincia si è impegnata a assumere 678 lavoratrici e lavoratori a cavallo del triennio 2018/2020. 

 

Il personale attualmente assunto con contratto a tempo determinato per ragioni tecnico-organizzative o sostituzione è stimato in 1.457 unità, 338 delle quali hanno maturato i tre anni di anzianità e altre 340 assunte come extraorganico-extraparametro. A questi numeri si aggiungono 21 unità di personale tecnico-amministrativo per le quali l'azienda provinciale per i servizi sanitari valuta la percorribilità della stabilizzazione.

 

"Questo protocollo d'intesa - spiega Pallanch - intende definire le linee di individuazione dei posti da destinare alla stabilizzazione attraverso un inquadramento a tempo indeterminato del personale a tempo determinato con almeno tre anni di servizio alla data in entrata in vigore della norma di assestamento del bilancio provinciale 2018 prestati anche in forma non continuativa".

 

Questa manovra riguarda tutti quei lavoratori assunti tramite concorsi o selezioni in Provincia e enti strumentali.

 

I posti saranno definiti nell'ambito dei fabbisogni degli enti per il triennio 2018-2020 e determinati in relazione alle ragioni tecnico-organizzative oppure extraorganico-extraparametro.

 

Ulteriori fabbisogni per cessazioni o altre cause possono essere coperti da personale in possesso dei requisiti per la stabilizzazione. 

 

Saranno introdotte anche, sempre per il triennio 2018-2020, procedure di stabilizzazione destinate a personale titolare di contratti flessibili con almeno tre anni di servizio: questo canale prevede una riserva di posti in concorsi pubblici per esami per titoli non superiore al 50% destinati alla stabilizzazione di contratti flessibili. 

 

Al fine di non disperdere le professionalità maturate, specie con riguardo ai servizi alla persona, nell'ambito della contrattazione collettiva in sede Apran saranno adottati opportuni interventi, tra quelli consentiti dal vigente quadro ordinamentale.

 

La Provincia promuove la definizione di criteri uniformi tra gli Enti e l'indicazione dei numeri dei posti per l'applicazione delle procedure di stabilizzazione e parallelamente richiede alle parti sociali a aderire a percorsi di mobilità di sede e utilizzi in base alle legge nell'ambito dei territori omogenei

 

In particolare per quanto riguarda le situazioni di precariato nell'ambito del personale ausiliario delle scuole infanzia e dei servizi per la prima infanzia, l'impegno è quello di procedere a stabilizzare i posti corrispondenti ai fabbisogni e, per la scuola infanzia, anche dei posti extraorganico definito nel piano annuale 2018-19. 

 

A questo si aggiunge che per il personale operatore socio-sanitario delle Rsa gestite dalle Apsp, l'ipotesi è quella di stabilizzare il personale mediante l'adeguamento del parametro letti/operatori. Per questo incremento è prevista un'apposita copertura finanziaria in assestamento. 

 

"La Provincia si è impegnata - conclude Pallanch -. Speriamo che questo possa aprire una nuova stagione e vigileremo che tutto proceda nella massima puntualità e trasparenza. Adesso la trattativa si sposta su altri comparti, come la sanità".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 ottobre - 13:49

Il precedente bando era stato annullato per irregolarità formali. Si dice amareggiato e non sa se presenterà la sua candidatura: "Ho portato in attivo il Centro, anche grazie al sostegno della Provincia. Ma ora sarà tenuto in considerazione tutto quello che è stato fatto?"

16 ottobre - 06:01

Nelle risposte a ilDolomiti i candidati si sono espressi anche sul tema dei campi nomadi. Magagni, che con i sinti lavora da 25 anni: "Dicono che devono essere espulsi? Ma dove? Sono trentini dai tempi di Cecco Beppe"

16 ottobre - 13:01

E' successo nella notte tra lunedì e martedì a Trento Nord, in zona Roncafort, quando i militari sono entrati in azione per la presenza di alcune persone a bordo di un'auto in sosta. Un 39enne prova a scappare, aveva circa 230 grammi di cocaina e 50 grammi di eroina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato