Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, è allarme per il mondo del lavoro: molte aziende stanno terminando la cassa integrazione. I sindacati: ''E' un dramma, la Provincia deve fare qualcosa''

I sindacati chiedono alla Provincia di Trento di copiare Bolzano. Un articolo del decreto Cura Italia permette a Trento e Bolzano di integrare le risorse dei fondi di solidarietà provinciali che garantiscono la cassa integrazione alle piccole aziende del terziario. Proprio in attuazione di questo articolo la Giunta Kompatscher ha stanziato 20 milioni di euro 

Pubblicato il - 12 luglio 2020 - 12:31

TRENTO. Gli effetti del Coronavirus non accennano a diminuire sull'economia trentina. A lanciare l'allarme sono Cgil, Cisl e Uil perché nonostante le quasi 9,5 milioni di ore autorizzate da febbraio a oggi dal Fondo di Solidarietà del Trentino, molte aziende del settore ricettivo, commerciale e della ristorazione sono arrivate al limite di utilizzo delle 18 settimane di cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 previste dal decreto Cura Italia.

 

“Abbiamo già più volte ribadito - hanno spiegato i segretari generali di Cgil Cisl Uil del Trentino, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti - l’assurdità di non prevedere un euro per i lavoratori nell’assestamento di bilancio. Ma ora l’assenza di risorse provinciali rischia di diventare un dramma per imprese e lavoratori che non potranno più godere della cassa integrazione, mentre è in atto un blocco dei licenziamenti”. I sindacati chiedono alla Provincia di scendere in campo stanziando almeno 10-15 milioni di euro per coprire i fabbisogni di cassa integrazione in questa fase

 

Un articolo del decreto Cura Italia permette a Trento e Bolzano di integrare le risorse dei fondi di solidarietà provinciali che garantiscono la cassa integrazione alle piccole aziende del terziario. Proprio in attuazione di questo articolo la Giunta Kompatscher ha stanziato 20 milioni di euro per allungare di 8 settimane la durata della cassa integrazione Covid-19 prevista dalle leggi nazionali.

 

“Fare lo stesso anche a favore delle imprese locali - ricordano Grosselli, Bezzi e Alotti - è fondamentale per due ragioni. La prima si basa sulla constatazione che il fondo di solidarietà del Trentino in questo momento non ha più risorse proprie per finanziare un prolungamento della cassa ed anche gli emendamenti per garantire al fondo nuove entrate promossi dalla Giunta nella conversione in legge del decreto Rilancio Italia non sono stati accolti dal Parlamento. La seconda è legata ai tempi previsti per il varo da parte del Governo Conte di un nuovo decreto legge sugli ammortizzatori sociali che dovrebbe aggiungere almeno altre 9 settimane di cassa per l’emergenza Covid-19: non è ancora certo che il decreto possa vedere la luce a luglio”.

 

Per questo i sindacati chiedono un intervento immediato alla Giunta per correggere la legge di assestamento ed individuare subito almeno 10 -15 milioni di euro per finanziare la cassa integrazione delle imprese del terziario. Ma per i sindacati serviranno anche nuove risorse per le politiche del lavoro. “Per affrontare l’autunno - concludono i segretari generali di Cgil Cisl Uil - serve un piano per le politiche attive del lavoro con percorsi formativi professionalizzanti, progetti di riqualificazione, servizi alla ricollocazione e interventi sui lavori socialmente utili in modo da dare una risposta concreta alle migliaia di persone che rischiano di restare senza un lavoro”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 agosto - 15:59

La comunità di frati francescani è presente nel paese dal 1685, quando occuparono l’antico podere un tempo appartenuto ai Conti del Tirolo. All'origine di questa scelta c'è la carenza di vocazioni. Don Albino ha scritto una lettera dove spiega la situazione e auspica che non ci siano interventi speculativi sulla struttura

04 agosto - 12:47

Nessuno ha rubato il campo da calcio a nessuno (l'evento è stato autorizzato dal Comune e dalla società sportiva), nessuno ha sgozzato animali sul campo da gioco, tutti hanno rispettato le norme anti-Covid e anche di più (compresi i bambini). Youness Et Tahiri, 22enne del posto, nato in Italia da genitori marocchini, ci racconta cosa è successo dalle 7 del mattino alle 9 di venerdì scorso (rispondendo agli insulti di chi ha commentato sotto il post della candidata sindaca)

04 agosto - 15:03

E' successo alle 10 di questa mattina, dopo aver capito che in cassa non era presente denaro, l'uomo è uscito dalla banca per poi allontanarsi a piedi verso il centro della città

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato