Contenuto sponsorizzato

'Paolo Zanella' al posto di 'Cristiano Zanella', i 5 Stelle scrivono su manifesti e volantini il nome del candidato di Futura

L'errore nella grafica del materiale informativo. Zanella (Paolo) diffida i grillini. "E sui flyer manca anche l'indicazione del 'committente responsabile'. Quelli che parlano tanto di legalità sono i primi a non rispettare le regole"

Di Donatello Baldo - 22 settembre 2018 - 17:34

TRENTO. La letteratura psicoanalitica lo chiama lapsus calami, succede quando scrivi una cosa al posto di un'altra. Si tratta di uno scherzetto dell'inconscio che interviene a tradimento provocando l'errore, facendo emergere quello che si voleva scrivere davvero. Nei 5 Stelle, qualcuno è incappato nel qui pro quo: ha scritto su manifesti e volantini Paolo Zanella invece di Cristiano Zanella, scambiando il candidato di Futura con il candidato grillino. 

 

La foto è quella giusta, il primo piano dell'esponente 5 Stelle, ma il nome è sbagliato. Per i manifesti c'è stato il tempo di rimediare perché andranno in stampa lunedì e la bozza può essere modificata. Ma i volantini erano già stati fatti, con il grossolano errore ormai stampato. "Si provvederà alla correzione nella ristampa che è già stata ordinata", fanno sapere i grillini.

 

Ma nel frattempo, nonostante le rimostranze del Zanella Paolo, quello che si candida in Futura, i volantini sono stati diffusi in ogni dove. A Trento c'era il banchetto dei 5Stelle in via San Pietro e il materiale della propaganda era quello errato. E chissà in quanti altri comuni del territorio, nei mercati e porta a porta, sarà diffuso il flyer.

 

"Con la presente - ha scritto a questo punto il candidato di Futura - diffido il Movimento 5 Stelle dal divulgare il materiale di propaganda elettorale sul quale compare il nome del sottoscritto, al posto di quello del candidato Cristiano Zanella, quale candidato nella lista del Movimento 5 Stelle, come da foto del volantino allegata".

 

La comunicazione è ufficiale, inviata direttamente al candidato presidente Filippo Degasperi, "non trovandosi sul materiale elettorale indicato il committente responsabile". Indicazione che a termini di legge dovrebbe essere indicata: "Quelli che parlano di legalità, quelli che rispettano le regole, sono i primi che non le rispettano", osserva Zanella (Paolo). 

 

"Qualora non venga data conferma del ritiro e della distruzione integrale dei volantini circolanti e altro materiale che presenti lo stesso problema, il sottoscritto si riserva di adire le vie legali e di rivolgersi all'autorità giudiziaria per un provvedimento urgente di tutela cautelare". Gli elettori, secondo il candidato di Futura, potrebbero confondersi e credere che Paolo Zanella sia nelle liste dei 5 Stelle. 

 

Dell'errore dovrebbe lamentarsi anche il Zanella Cristiano, perché a causa di questa svista rischia l'annullamento delle preferenze. Se l'elettore 5 Stelle, sotto il simbolo dei 5 Stelle, scrive sulla scheda Paolo Zanella, la preferenza viene cassata. 

 

Ma il problema più grosso ce l'ha forse l'intero Movimento 5 Stelle che con questo lapsus calami conferma quello che molti osservatori dicono da tempo: molti dei voti grillini stanno tornando a sinistra, e in questo caso verso Futura, lista in cui si candida Paolo Zanella.

 

Colui, o colei, che ha materialmente scritto un nome per un altro, o il grafico che ha confezionato manifesti e volantini, pensava intensamente al candidato di Futura, e l'inconscio spingeva per votarlo. Altrimenti il lapsus non si spiega.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 ottobre - 13:49

Il precedente bando era stato annullato per irregolarità formali. Si dice amareggiato e non sa se presenterà la sua candidatura: "Ho portato in attivo il Centro, anche grazie al sostegno della Provincia. Ma ora sarà tenuto in considerazione tutto quello che è stato fatto?"

16 ottobre - 06:01

Nelle risposte a ilDolomiti i candidati si sono espressi anche sul tema dei campi nomadi. Magagni, che con i sinti lavora da 25 anni: "Dicono che devono essere espulsi? Ma dove? Sono trentini dai tempi di Cecco Beppe"

16 ottobre - 13:01

E' successo nella notte tra lunedì e martedì a Trento Nord, in zona Roncafort, quando i militari sono entrati in azione per la presenza di alcune persone a bordo di un'auto in sosta. Un 39enne prova a scappare, aveva circa 230 grammi di cocaina e 50 grammi di eroina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato