Contenuto sponsorizzato

''Nanetto politico ex comunista padano, un incapace, un fannullone e un traditore'', durissimo attacco di Tosi a Salvini

L'ex primo cittadino della città scaligera non risparmia nulla al leader della Lega, il responsabile della crisi di Ferragosto: "Salvini a lezione da Giuseppe Conte, che gli ha spiegato il senso delle istituzioni democratiche e di fronte al Paese lo ha inchiodato davanti alle sue responsabilità definendolo sleale, bugiardo, opportunista, assenteista e completamente ignaro dell'abc costituzionale"

Di Luca Andreazza - 21 agosto 2019 - 18:16

ROMA. "Eccolo lì, Salvini: a lezione da Giuseppe Conte, che gli ha spiegato il senso delle istituzioni democratiche e di fronte al Paese lo ha inchiodato davanti alle sue responsabilità definendolo sleale, bugiardo, opportunista, assenteista e completamente ignaro dell'abc costituzionale", Flavio Tosi, ex sindaco di Verona, è durissimo verso il leader della Lega all'indomani della crisi di governo che ha messo fine all'esecutivo gialloverde.

 

"Insomma un incapace, un fannullone e un traditore, come chi scrive ha sempre sostenuto. Del resto - prosegue Tosi - chi tradisce una volta, tradisce sempre: e Salvini nella sua vita politica ha tradito nell'ordine Bossi, Maroni e il sottoscritto, ma soprattutto gli ideali federalisti e liberali della Lega. Ovvio che per esclusivo tornaconto prima o poi arrivasse a tradire anche il suo governo".

 

L'ex primo cittadino della città scaligera non risparmia nulla a Salvini, il responsabile della crisi di Ferragosto. E in parlamento si è tenuta una resa dei conti. Ora il redde rationem arriva anche tra Tosi e il leader della Lega. In fin dei conti è stato proprio il ministro dell'interno a far saltare il banco, aprire la crisi di governo, senza però dimettersi o ritirare la pattuglia di ministri del carroccio. Dalla richiesta di pieni poteri si è trovato in difficoltà, fino a cercare di ricucire lo strappo. 

 

"Non ho apprezzato - prosegue Tosi - il premierato di Conte e l'esecutivo gialloverde, ma con onestà intellettuale riconosco oggi a Conte un'uscita di scena da uomo serio e perbene. Un gigante rispetto al nanetto politico ex comunista padano. Una grande dignità al confronto della miseria umana e politica di Salvini, che prima nudo in spiaggia faceva il gradasso e chiedeva 'pieni poteri', poi quando ha capito di aver fatto una cazzata ha cominciato a fare passi indietro per mendicare la pace, fino ad arrivare a proporre premier Di Maio. Perfino oggi Salvini ha mostrato tutta la sua inadeguatezza come leader: non sapeva nemmeno dove sedersi e dove parlare, faceva le faccette isteriche come i ragazzini durante il rigoroso discorso di Conte".

 

Un discorso che non è piaciuto a Tosi. "Poi ha utilizzato il senato per dire le solite puttanate demagogiche, la più grande di tutte che era pronto a mettere 50 miliardi per tagliare le tasse quando sa che non c'è una lira (infatti ha fatto cadere il governo perché pensava di poter fare la manovra salata e anti-popolo solo dopo un voto che lo bullonasse alla sedia per 5 anni). Infine ha elemosinato a Di Maio un nuovo accordo. Un buffone. Un buffone senza dignità".

 

In campagna elettorale anche nel suo intervento in senato. "Eccolo lì, Salvini, tanto tracotante nel suo ennesimo vuoto e isterico comizio - dice l'ex sindaco - quanto piccolo piccolo nella valenza politica e strategica. Eccolo lì, Salvini: un pallone che si sta sgonfiando nelle contraddizioni della sua miserabilità. Guardatelo: è affannato, paonazzo, straparla, perde il filo, mentre il Conte tradito lo umilia e lo mette con le spalle al muro. Il piccolo Salvini è talmente sfatto, disperato e impaurito da mendicare ancora, fino all'ultimo. Cosa non si farebbe per salvare la poltrona. Ha la faccia di tolla Salvini e in un visibile gioco di specchi afferma il contrario di ciò che pensa".

 

Un Salvini che ora sarebbe in difficoltà anche all'interno del partito. "Dice che non ha paura perché ha una fifa blu di perdere il potere. Afferma - aggiunge Tosi - che rifarebbe tutto perché sa di essersi fregato da solo. Dice che la Lega è compatta perché si rende conto che anche con molti dei suoi ha perso credibilità (Giorgetti in primis). Invoca le piazze perché è consapevole che tra qualche mese non lo seguirà più nessuno. E questo piccolo omino disperato sarebbe un leader? Purtroppo i suoi alleati di centrodestra non riescono a capire a chi si sono messi in mano. Registro infatti ancora oggi il totale asservimento di una parte di Forza Italia e di Fratelli d'Italia a questo piccolo "guappetto" ridicolo. Sono appiattiti, senza nessun slancio e nessuna visione. Il centrodestra vuole morire con Salvini. Ma la gran parte dei suoi elettori, che sono liberali, popolari e riformisti, no".

 

Nel frattempo, dopo le dimissioni di Conte, il presidente della Repubblica ha iniziato le consultazioni. Alle 16 sono saliti al colle i presidenti del Senato e della Camera, Elisabetta Casellati e Roberto Fico, entrambi usciti senza lasciare dichiarazioni. Subito dopo è toccato al Gruppo per le Autonomie del Senato, che dopo il colloquio hanno dichiarato di essere favorevoli ad appoggiare un nuovo governo M5s-Pd, evitando il voto in autunno per scongiurare l'esercizio provvisorio e l'aumento dell'Iva. In particolare Julia Unterberger della Svp ha spezzato una lancia per Conte, affermando la disponibilità del suo partito a sostenere anche un Conte bis. A seguire sono attesi il gruppo Misto del Senato, quello della Camera e Liberi Uguali della Camera.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:17

Dopo la querelle legata alla rinuncia di un milione di euro in materia integrazione, questa volta il riferimento va alle incertezze legate al finanziamento delle attività formative finalizzate all'inclusione lavorativa e sociale di persone svantaggiate, dai disabili ai detenuti, dagli stranieri fino alle donne vittime di violenza

19 settembre - 18:33

Il 19 settembre 1991 veniva ritrovato sulle montagne tra Austria e Italia il corpo di un uomo di più di 5000 anni fa. L'incredibile scoperta apriva una stagione di grandi ricerche ma nono solo. Su Ötzi è stato fatto di tutto: dal ricostruire la sua voce al realizzare film e canzoni (e ha dato anche il nome a un noto DJ tirolese)

19 settembre - 19:04
L'allarme è scattato intorno alle 15.30 a causa di un mezzo pesante in panne per un'avaria del motore all'interno della galleria di Martignano. Un autoarticolato ha avuto problemi al motore, un principio di incendio e il fumo ha invaso il tunnel
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato