Contenuto sponsorizzato

Protesta provocatoria degli Schützen, coprono la scritta tedesca su seicento cartelli stradali: "Contro l'ingiustizia iniziata nel 1922"

Nel giorno dell'anniversario della nascita di Tolomei squadre Schützen  in azione da per modificare 600 cartelli. Il nome in tedesco dei luoghi è stato sostituito con “Dna Seit 97J”, ovvero "deutsch nicht amtlich seit 97 Jahren" (il tedesco non è più ufficiale da 97 anni)

Pubblicato il - 16 agosto 2019 - 10:27

BOLZANO. E' stata messa in atto una protesta provocatoria  in queste ore da parte degli Schützen altoatesini con la decisione di coprire la scritta tedesca su seicento cartelli stradali.

 

La questione della protesta riguarda la toponomastica e gli Schützen hanno spiegato di voler protestare in questo modo "contro l'ingiustizia iniziata nel 1922 e tuttora in atto".

 

Il nome tedesco dei cartelli di numerosi paesi che si trovano in Alto Adige è stato coperto e al suo posto è stato messa la scritta “Dna Seit 97J”, ovvero "deutsch nicht amtlich seit 97 Jahren" (il tedesco non è più ufficiale da 97 anni).

L'iniziativa di protesta cade nel giorno di nascita di Ettore Tolomei, il 16 agosto 1865. Tolomei, infatti, si occupo della redazione della toponomastica in Alto Adige. Esponente dell'irredentismo italiano, nel 1906 iniziò la stesura del "Prontuario dei nomi locali dell'Alto Adige", pubblicato poi a Roma dalla Reale Società Geografica Italiana nel 1916, che modificò ottomila nomi di località del territorio altoatesino.

 

"Da 97 anni – ha affermato in una nota, come riporta l'Ansa, il comandante degli Schützen altoatesini Jürgen Wirth Anderlan - la questione della toponomastica è irrisolta. Siamo su un'altalena, che è in movimento, ma non fa passi avanti".

"In questa ferita aperta della nostra storia - prosegue - le associazioni turistiche e le aziende gettano sale utilizzando l'opera di Tolomei e le sue invenzioni pseudo italiane". Gli Schützen ricordano che nell'ultimo secolo l'Alto Adige ha "vissuto una storia dolorosa, ma anche di successo con due guerre mondiali, la sottomissione, l'opzione, le bombe e le torture".

 

"Non è giusto, scrivono - gli Schützen - che per un eccesso di tolleranza verso un altro gruppo etnico e per la pacifica convivenza il gruppo linguistico tedesco debba accettare tutto".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 23:22

La consigliera provinciale del Patt interviene sul tema e spiega: ''Il fatto che non sia mai stata data risposta alle due interrogazioni che ho depositato, mi fa pensare che non si sia voluto farlo per non esplicitare dei dati che erano prevedibili''. Su tutti i numeri sui parti cesarei che a Cavalese sono i più alti della provincia nonostante i parti a rischio vengano trasferiti a Trento

21 agosto - 18:16

L'ex primo cittadino della città scaligera non risparmia nulla al leader della Lega, il responsabile della crisi di Ferragosto: "Salvini a lezione da Giuseppe Conte, che gli ha spiegato il senso delle istituzioni democratiche e di fronte al Paese lo ha inchiodato davanti alle sue responsabilità definendolo sleale, bugiardo, opportunista, assenteista e completamente ignaro dell'abc costituzionale"

21 agosto - 16:04

Salito in Piazza Dante senza biglietto da subito ha fatto resistenza ai verificatori che erano a bordo. Questi compreso che il ragazzo era in stato di alterazione e viste le tante persone a bordo (comprese famiglie con bambini) hanno chiamato le forze dell'ordine ed hanno atteso che il giovane tentasse di scendere prima di agire

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato