Contenuto sponsorizzato

Rossini al Colle: "C'è forte preoccupazione. Il Patt pronto a sostenere un governo di alto profilo"

Gruppo misto e Gruppo per le autonomie salgono al Colle per le consultazioni, esprimendo opinione sfavorevole verso il ritorno alle urne. Rossini: "Abbiamo perso un anno di legislatura. Ora si torni a lavorare, facendo un governo non nelle piazze ma in Parlamento"

Di Davide Leveghi - 21 agosto 2019 - 20:06

TRENTO. Nella giornata di consultazioni al Colle, dopo le fragorose dimissioni di ieri del premier Giuseppe Conte, anche i parlamentari regionali dei gruppi autonomistici sono passati per un incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, esprimendo una posizione compattamente favorevole ad un nuovo governo che guidi il Paese in questa fase ed eviti così il voto in autunno.

 

A salire al Quirinale è stato innanzitutto il Gruppo per la autonomie, composto, tra gli altri, dalla Südtiroler Volkspartei. La capogruppo Julia Unterberger, all'uscita dalla consultazione, ha dichiarato che sarebbe irresponsabile andare alle urne in autunno: “C'è bisogno di stabilità – ha affermato – e di un esecutivo che non si metta fuori dall'Europa seguendo i sovranisti”.

 

“Noi siamo europeisti convinti – ha continuato la senatrice sudtirolese – ed il punto in comune nel nostro piccolo gruppo è la tutela delle minoranze. È chiaro che l'aumento dell'Iva avrebbe per chi, come noi in Alto Adige, vive alla frontiera, effetti molto pesanti. Se i prodotti diventano più cari, la popolazione va in Austria a fare la spesa”.

 

Il discorso di Conte sembra aver fatto breccia nel Gruppo per le autonomie, tanto che Unterberger ha dichiarato: “Ieri Conte si è comportato molto bene, e per questo noi siamo aperti a un Conte-bis. È una figura elegante, neutra ed istituzionale, che può benissimo guidare una maggioranza, chiaramente diversa”.

 

Dello stesso avviso il Gruppo misto, che per bocca di Emma Bonino ha affermato: “Abbiamo bisogno di un governo autorevole sia del fare che del disfare, affinché si elimino leggi inaccettabili come il decreto sicurezza bis”. Si accoda in questa posizione anche la senatrice Emanuela Rossini, del Patt, che al nostro giornale rilascia nell'immediato momento successivo alla conferenza stampa delle dichiarazioni, caute e misurate: "Il presidente Mattarella è stato chiarissimo: o si va al voto subito o si dà avvio ad una legislatura lunga ed autorevole. C'è forte preoccupazione e da parte nostra anche grande volontà di sostenere un governo serio e con persone di spessore".

 

"Noi ci mettiamo nelle mani del presidente della Repubblica- ha continuato- basando la nostra posizione su tre pilastri: presenza autorevole in Europa, rispetto della nostra autonomia e stabilità economica. L'autonomia non ha certo vissuto un bel periodo nell'anno passato". E sulla possibilità di andare al voto, la senatrice aggiunge: "Andarci ora sarebbe rischioso, il Paese rischia di andare allo sbando e di finire in esercizio provvisorio. Noi non guardiamo ai nomi, visto che è prematuro, ma siamo convinti che una maggioranza si possa creare".

 

Sul governo passato il giudizio di Rossini è in linea con il discorso pronunciato ieri da Conte: "I governi non si fanno nelle piazze ma in Parlamento. Dobbiamo far tornare centrale il Parlamento, perché la legislatura scorsa ha segnato una deriva nello stile, nel linguaggio e nella legislazione, in contrasto con la Costituzione. Vanno abbassati i toni e ci si deve mettere a lavorare. La deriva del vecchio governo è stata politica ed istituzionale, bisogna dare risposte al Paese. Abbiamo infatti perso un anno di legislatura".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 marzo - 12:46

Davide Bassi da giorni sta monitorando il contagio con dati e grafici: '''L'Alto-Adige ha applicato 149 test x 10.000 abitanti di poco inferiori al ben noto caso del Veneto (163 test x 10.000 abitanti) ed entrambi mostrano una densità di decessi bassa''. Ecco le analisi e i numeri e una considerazione generale: ''Per anni in Italia ci siamo gingillati con le polemiche sulla “Kasta” e il cambiamento. Ma affidarci agli incapaci e agli arroganti è un lusso che possiamo permetterci solo in tempi normali''

31 marzo - 13:23

Partendo da un post in cui l'assunzione dei pieni poteri da parte del presidente ungherese Orbán suscita la memoria del decreto del 24 marzo 1933, con cui Hitler sospese la democrazia weimeriana, lo storico Francesco Filippi ci aiuta a riflettere sulla tendenza diffusa a chiedere il governo di un uomo forte, sull'anormalità dello stato emergenziale e sui rischi di perdere i propri diritti. "Dovremo passare dallo spavento allo stupore verso queste misure emergenziali"

31 marzo - 13:30

Si susseguono i messaggi di cordoglio per la morte della 57enne. Dopo la Provincia e l'Apss, la polizia locale, il consigliere provinciale Luca Guglielmi e la scuola professionale, il sindacato della Cisl medici, sono tantissimi i ricordi della società civile. "Forse si è compreso in questi tempi il senso di essere medici, soprattutto in val di Fassa quando è giunta la notizia del decesso della dottoressa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato