Contenuto sponsorizzato

Translagorai, Tonina risponde a Degasperi e spiega il progetto: ''Nessuna 'riminizzazione' non ci sarà turismo di massa''

L'assessore competente ha replicato all'interrogazione del consigliere 5 Stelle che chiedeva se fosse un vero progetto di riqualificazione o una speculazione. ''Nessuna speculazione, l'obiettivo è mantenere viva la montagna attraverso lo sviluppo di una piccola, sana, economia legata all'escursionismo, che contrasti il processo di abbandono''

Di Luca Pianesi - 17 gennaio 2019 - 20:17

TRENTO. ''La valorizzazione della Translagorai non intende indurre alcuno snaturamento del territorio. Non si rivela il paventato rischio di sviluppare un turismo di massa. (...) Quindi nessun ristorante in quota e nessuna riminizzazione del Lagorai''. Così l'assessore competente Tonina risponde all'interrogazione di Filippo Degasperi del Movimento 5 Stelle sulla tanto dibattuta questione della Translagorai il tanto discusso tracciato cui la Provincia sta lavorando per una riqualificazione dell'area da 3 milioni di euro distribuiti su 3 anni, con un finanziamento provinciale di 2 milioni e 381 mila euro.

 

Il tutto, spiegava la Pat, per ''valorizzare l'itinerario che attraversa la catena del Lagorai, dalla Panarotta al Passo Rolle per un totale di circa 85 chilometri''. Un progetto da molti ritenuto, al contrario, un tentativo di snaturare uno degli ultimi territori ancora non eccessivamente antropizzati del Trentino. Un progetto che per puristi della montagna, appassionati, molti satini e guide alpine rappresenterebbe più una speculazione che una riqualificazione. E proprio questa è stata la domanda del Movimento 5 Stelle e di Filippo Degasperi in consiglio provinciale: ''riqualificazione o speculazione'', il titolo dell'interrogazione fatta dal consigliere 5 stelle all'assessore Tonina che ha risposto punto su punto. Qui un riassunto. In coda il testo completo delle risposte.

 

Domanda: ''Quali i benefici per i trekker dalla ristrutturazione e ampliamento edifici lontani rispetto al percorso?''

Risposta: ''Mancano i punti tappa riservati agli escursionisti e i pochi bivacchi esistenti sono scarsamente gestibili. Tuttavia il percorso in cresta non subirà modifiche quindi chi vuole continuare a godere del carattere selvaggio del Lagorai potrà farlo. Sul piano della sentieristica il percorso classico viene integrato con una serie di varianti utilizzando sentieri già esistenti''.

 

Domanda: ''Analisi costi benefici/servizio ristorazione a Malga Lagorai quale la sostenibilità economica e ambientale?''

Risposta: ''I beneficiari dei contributi provinciali sono enti pubblici tutti d'accordo nel sostenere il progetto per mantenere viva la montagna attraverso lo sviluppo di una piccola, sana, economia legata all'escursionismo, che contrasti il processo di abbandono. Secondo il progetto Sat Malga Lagorai ha le caratteristiche per essere classificata come rifugio alpino o a divenire un agriturismo e si potrà reggere non solo sugli escursionisti della Translagorai ma anche su quelli degli impianti del Cermis che già oggi percorrono la val Lagorai in circa 1.000 a stagione. L'ipotesi progettuale è quella di mantenre metà stalla a destinazione d'uso originaria consentendo in tal modo un'eventuale utilizzo per l'alpeggio e la realizzazione di un alloggi per il pastore. Si potrà riflettere su ulteriori garanzie di tutela che quel luogo merita, tra cui la strada militare ad esclusivo servizio della malga''.

 

Domanda: ''Esistono ipotesi di ulteriori collegamenti di Malga Lagorai con l'anello utilizzato dai turisti degli impianti del Cermis?''

Risposta: ''Non sono previsti nuovi percorsi. La magnifica comunità si è impegnata a non autorizzare la realizzazione di nuovi sentieri nella zona tanto meno a favore dei bikers''.

 

Domanda: ''Perché ampliare Baita Cauriol e aggiungere posti letto a quelli già disponibili a pochi metri di distanza?''

Risposta: ''Baita Cauriol attualmente non è un rifugio e offre solo servizio ristorazione. Nelle vicinanze c'è Malga Saole che offre anch'essa ristorazione e la possibilità di pernottare in tenda ma si tratta di servizio privo di ufficialità e Sat intende realizzare dei posti letto strutturati''.

 

Domanda: ''Perché aggiungere posti letto a Malga Valmaggiore quando esistono già in altri tre bivacchi?''

Risposta: ''A Malga Valmaggiore c'è agriturismo con servizio ristorazione. Nell'ambito del progetto si è ritenuto di ricavare una ventina di posti letto''

 

Domanda: ''Perché Malga Stellune non è stata considerata per le ristrutturazioni?''

Risposta: ''La Pat ha fatto proprio il progetto della Sat. Malga Stellune non è considerata perché troppo vicina a Passo Manghen e a Malga Conseria: questo rifugio già esiste e non comporta rilevanti interventi strutturali''

 

Domanda: ''Perché non c'è il Comune di Tesero, che dovrebbe rilasciare le autorizzazioni per Malga Lagorai, nell'accordo di programma?''

Risposta: ''Il Comune di Tesero non è proprietario di alcuna delle strutture oggetto degli interventi''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 aprile - 19:50

Salvini in conferenza stampa aveva spiegato che i sindaci di Trento e Bolzano avevano scelto di non utilizzare i finanziamenti del pacchetto "Scuole sicure". Il sindaco Andreatta: "Non ho mai rinunciato,  Trento ha già molte telecamere anche vicino le scuole e i soldi li possiamo usare per progetti culturali di sensibilizzazione sui pericoli che derivano dall'uso di sostanze stupefacenti

23 aprile - 13:09

Da Pinzolo il vicepremier rassicura sull'autonomia, difende il sindaco Cereghini e rilancia la Valdastico. Fiducia alta per la chiamata alle urne del 26 maggio: "Ci aspetta ancora tanto lavoro per rimediare a 50 anni di centrosinistra, ma il cambiamento in Trentino già si vede e la conferma arriverà alle prossime elezioni"

23 aprile - 15:47

Fino a domenica 28 i treni saranno sostituiti con autobus rispettando gli stessi orari ferroviari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato