Contenuto sponsorizzato

Case Itea, Ianeselli: ''La soluzione non è creare rivalità tra popolazione ugualmente in difficoltà''. I sindacati: ''Mesi che aspettiamo di incontrare l'assessora''

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

Di Luca Andreazza - 17 febbraio 2020 - 19:45

TRENTO. "Non è attraverso il taglio delle famiglie extracomunitarie dalle graduatorie per il sostegno al canone d’affitto e dalle graduatorie Itea che si risolve il fabbisogno abitativo dei trentini". Così Andrea Grosselli (Cgil), Michele Bezzi (Cisl) e Walter Alotti (Uil), che aggiungono: "L'unica strada per dare risposte ai cittadini è avviare una coraggiosa politica della casa, investire sulla nuova costruzione di alloggi pubblici e sulla ristrutturazione del patrimonio esistente".

 

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti. Nel 2019 sono stati assegnati 340 appartamenti, circa l'11% delle domande pervenute e 4.117 contributi pubblici. Una platea per il 91,2% composto di italiani, 2,7% comunitari e 6,1% extra europei.

 

"La Giunta provinciale - proseguono Grosselli, Bezzi e Alotti - non vuole aprire un confronto. Sono passati mesi da quando abbiamo chiesto un incontro formale con l'assessora Stefania Segnana e non abbiamo ancora ottenuto riscontri. Chiediamo ancora alla titolare della delega sulle politiche abitative di poter entrare nel dettaglio degli ultimi dati relativi alle domande raccolte fino a questo momento per la casa Itea e l'integrazione al canone". 

 

La Giunta Fugatti ha stabilito che sono obbligatori 10 anni di residenza in Italia per poter accedere all’assegnazione di un alloggio popolare. "Solo se si parte dai numeri reali - spiegano i sindacati - si può quantificare l’impatto della stretta imposta da piazza Dante, che ha prodotto qualche risparmio per la cassa della Provincia: non ci sono state risposte per i trentini che hanno bisogno di una casa e ha escluso le famiglie non comunitarie. Un bilancio in cui c’è poco da vantarsi".

 

Le parti sociali rilanciano anche la proposta dell’Osservatorio sulle politiche abitative. “Doveva rappresentare il primo punto di partenza - evidenziano Cgil, Cisl e Uil - per avviare una riflessione costruttiva e oggettiva in materia, ma non è stato ancora avviato nulla. Sollecitiamo nuovamente assessorato e Itea a prendere in mano questa partita per aprire un confronto nel tentativo di costruire insieme risposte efficaci e non solo di mera propaganda".

 

I tre sindacati intervengono infine sul canone moderato, “risposta importante” per rispondere al fabbisogno abitativo di tanti cittadini che non trova sul libero mercato soluzioni accessibili, ma hanno un reddito sopra le soglie del canone sociale. “E’ opportuno - aggiungono Grosselli, Bezzi e Alotti - investire con determinazione anche su questo fronte, invece non sappiamo se è stata rinnovata la convenzione con le finanziarie per portare a termine il piano triennale di housing sociale".

 

Interviene anche il candidato sindaco per il centrosinistra e il Patt. "La giustizia si esprimerà sulla legittimità di questa scelta e sui ricorsi presentati - commenta Franco Ianeselli - ma non ho timore nel considerare questa decisione come politicamente sbagliata. Se esiste una domanda importante di alloggi popolari, e se il pubblico fatica a dare risposta ampia e positiva, quella di irrigidire i requisiti d’accesso in modo che una categoria risulti maggiormente esclusa a beneficio di un’altra per la quale l’accesso diventa più agevole, è una scorciatoia politica che finisce per aumentare i disagi, creando rivalità tra fasce di popolazione ugualmente in difficoltà".

 

Un provvedimento con il respiro corto. "La politica - conclude Ianeselli - non ha il compito di acuire le differenze e aumentare le difficoltà, la politica ha il compito di trovare gli strumenti più adeguati per dare risposta ai bisogni della popolazione. Se l'offerta attuale non è sufficiente vanno aumentati gli alloggi, non ridotte le famiglie che possono sperare di ottenere una casa".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 aprile - 06:01

In questi giorni, complici le festività di Pasqua, sarebbe dovuta partire la volata per entrare a pieno regime nella stagione estiva. Ma si naviga giocoforza a vista nell'incertezza generale, si cercano strategia e si ragiona sul futuro. Il presidente di Asat, Gianni Battaiola: "Ancora troppo incognite. Intanto puntiamo sulla formazione, non perdiamo i contatti con i clienti e analizziamo il mercato. Ma tanto dipende dalle norme di salute pubblica"

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato