Contenuto sponsorizzato

Chiusure domenicali dei supermercati, Carli: ''Lei Fugatti vuole una Trento povera, bigotta e triste. Questa legge è un insulto per i consumatori e i commercianti''

Mentre in consiglio provinciale le opposizioni non sono riuscite a votare contro il ddl Failoni ma al massimo si sono astenute o non hanno votato (con il Pd che ha criticato il metodo e il fatto che la norma è incostituzionale e non il merito e quindi le chiusure stesse) il candidato sindaco Marcello Carli usa parole molto più nette contro la scelta della maggioranza leghista: ''Io dico 'no' a questo approccio deprimente, depressivo, isolazionista e occupazionalmente lesivo dei diritti della cittadinanza''

Di Luca Pianesi - 03 luglio 2020 - 11:42

TRENTO. ''No, presidente Fugatti: così non si fa. Mentre siamo nel mezzo delle gravissime conseguenze economiche causate dalla pandemia obbligare gli esercizi commerciali a chiudere la domenica è una follia e un insulto''. E' il candidato sindaco per Trento Marcello Carli ad esprimersi così. L'oggetto di questo attacco è, ovviamente, l'iniziativa portata avanti dalla Giunta Fugatti di chiudere i supermercati la domenica per una non ben precisata motivazione che vorrebbe i dipendenti ''tutti a casa'' la domenica, per passarla, così, in famiglia.

 

Il tutto come se non esistessero i turni, come se non lavorassero più persone grazie al giorno in più di apertura e come se non venissero pagati fino ben oltre il 30% in più quelli che lavorano la domenica, mettendo in circolo risorse importanti, forza lavoro, oltre a garantire un servizio alla comunità e la sopravvivenza di altre attività contigue (si pensi ai centri commerciali che hanno nella domenica il loro giorno di massimo fatturato e che senza un supermercato all'interno della struttura perdono un traino fondamentale).

 

E così per un centrosinistra che mantiene un atteggiamento ambiguo sul tema (e tutte le minoranze in consiglio provinciale che non sono riuscite a votare ''no'' all'iniziativa di Failoni, ma al massimo si sono astenute o non hanno partecipato al voto) con un Partito democratico che anche ieri in Aula ha ribadito di essere d'accordo ''nel merito e con l’obiettivo perseguito con questa legge'' ma contrario al metodo usato (la legge provinciale sarà bollata come incostituzionale e quindi, nei fatti, tutta questa operazione si tradurrà in una grossa presa in giro per i lavoratori) il rappresentante di ''centro'' libero dai blocchi Marcello Carli usa parole molto nette.

 

Per Carli si tratta di ''una follia che andrà a penalizzare soprattutto la città di Trento nel suo complesso rispetto alle varie deroghe concesse in provincia, e un insulto sia per i consumatori (che andranno a spendere altrove) sia per le commercianti e i commercianti che tra mille difficoltà e controlli soffocanti stanno tentando di riprendersi dopo la batosta del lockdown e che già rischiano ogni giorno di chiudere''.

''E' un provvedimento il suo - prosegue riferendosi a Fugatti - che va ad umiliare anche la grande distribuzione, che non rinnoverà i contratti a termine o non assumerà il personale che aveva già previsto di assumere. Ma ci rendiamo conto? Mondo delle imprese a parte, le conseguenze più gravi di questo provvedimento saranno proprio a danno di chi cerca lavoro e troverà ancora meno opportunità. La tutela delle lavoratrici e dei lavoratori è naturalmente in cima alle priorità, ma non è certo chiudendo che la miglioriamo, soprattutto in una fase economica difficilissima come questa. E ancora: come lo rilanciamo il turismo, come diventiamo più attrattivi in questa difficile fase? Chiudendo la domenica?''.

 

E poi l'appello: ''Se diventerò sindaco di Trento combatterò con tutte le mie forze contro questo approccio deprimente, depressivo, isolazionista e occupazionalmente lesivo dei diritti della cittadinanza. Lei, presidente Fugatti, ha dimostrato di volere una Trento povera, bigotta e triste. Io voglio che Trento rinasca. E che combatta la cattiva politica che crea disoccupazione''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 agosto - 15:59

La comunità di frati francescani è presente nel paese dal 1685, quando occuparono l’antico podere un tempo appartenuto ai Conti del Tirolo. All'origine di questa scelta c'è la carenza di vocazioni. Don Albino ha scritto una lettera dove spiega la situazione e auspica che non ci siano interventi speculativi sulla struttura

04 agosto - 12:47

Nessuno ha rubato il campo da calcio a nessuno (l'evento è stato autorizzato dal Comune e dalla società sportiva), nessuno ha sgozzato animali sul campo da gioco, tutti hanno rispettato le norme anti-Covid e anche di più (compresi i bambini). Youness Et Tahiri, 22enne del posto, nato in Italia da genitori marocchini, ci racconta cosa è successo dalle 7 del mattino alle 9 di venerdì scorso (rispondendo agli insulti di chi ha commentato sotto il post della candidata sindaca)

04 agosto - 15:03

E' successo alle 10 di questa mattina, dopo aver capito che in cassa non era presente denaro, l'uomo è uscito dalla banca per poi allontanarsi a piedi verso il centro della città

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato