Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Austria focolaio a Linz. Chiudono le scuole, gli asili e le strutture di assistenza in cinque distretti

Preoccupa l'aumento dei casi che si sta registrando oltre confine. Solo ieri sono stati 107 i nuovi casi registrati mentre oggi, giovedì, i nuovi positivi sono stati 68 

Pubblicato il - 02 luglio 2020 - 12:55

LINZ. Situazione sempre più complicata in Austria dove il coronavirus sta trovando nuove strade di contagio. Nel Paese sono 677 i casi attivi (come riporta Die Presse) e solo ieri sono stati 107 i nuovi casi registrati mentre oggi, giovedì, i nuovi positivi sono stati 68.

 

A spiegarlo il ministro della salute Rudolf Anschober che ha aggiunto che il cluster più preoccupante è in Alta Austria dove 1.400 persone sono state poste in quarantena. Il focolaio si sarebbe sviluppato in una chiesa pentecostale di Linz. Il governatore della regione, Stelzer ha spiegato che da domani le scuole, gli asili e le strutture di assistenza di cinque distretti - Linz Stadt, Linz-Land, Wels Stadt, Wels-Land e Urfahr-Umgebung - saranno chiusi precauzionalmente.

 

''Il nuovo cluster è un avvertimento per tutti coloro che credevano che la crisi fosse finita - spiega Die Presse -. Stelzer ha quindi fatto appello alle persone affinché continuino ad indossare le mascherine quando sono al chiuso. Gli eventi saranno sospesi nei cinque distretti fino a nuovo avviso''. Il ministro si è detto molto preoccupato ''soprattutto in vista dell'autunno''. ''L'aumento al momento è contenuto - ha aggiunto - ma la cosa non ci rende comunque felici'' e ha quindi invitato i suoi cittadini a prestare attenzione e a rispettare le regole per garantire la propria sicurezza e quella degli altri. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 agosto - 12:47

Nessuno ha rubato il campo da calcio a nessuno (l'evento è stato autorizzato dal Comune e dalla società sportiva), nessuno ha sgozzato animali sul campo da gioco, tutti hanno rispettato le norme anti-Covid e anche di più (compresi i bambini). Youness Et Tahiri, 22enne del posto, nato in Italia da genitori marocchini, ci racconta cosa è successo dalle 7 del mattino alle 9 di venerdì scorso (rispondendo agli insulti di chi ha commentato sotto il post della candidata sindaca)

04 agosto - 15:03

E' successo alle 10 di questa mattina, dopo aver capito che in cassa non era presente denaro, l'uomo è uscito dalla banca per poi allontanarsi a piedi verso il centro della città

04 agosto - 10:56

Le temperature sono crollate in questi giorni e un'intensa nevicata si è scaricata sul passo Stelvio. Un panorama da cartolina e invernale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato