Contenuto sponsorizzato

Mentre la Regione traballa, Salvini ''chiama'' e Fugatti e i suoi devono rispondere presente: tutti a Roma per incontrare ''Lui'' e gli amministratori leghisti

A Roma il Capitano ha convocato i suoi 200 rappresentanti regionali per far condividere loro esperienze positive e scelte politiche. E così, mentre sindacati, enti locali, privati attendono da mesi di incontrare gli assessori Bisesti e Segnana il Trentino viene messo in standby e l'appello di Kompatscher cade nel vuoto. Lo sguardo ormai è da provincia piccolina che guarda a Veneto e Lombardia e non ha nemmeno l'autonomia di disertare questi appuntamenti

Di Luca Pianesi - 17 febbraio 2020 - 20:19

TRENTO. Mentre Kompatscher solo pochi giorni fa ha messo in discussione il concetto di Regione, di fatto mettendo in luce l'ormai deteriorato rapporto tra la provincia di Trento retta dalla Lega di Fugatti e la provincia di Bolzano governata dalla ''sua'' Svp i consiglieri provinciali leghisti, al gran completo, oggi erano a Roma stretti attorno al loro Capitano per gli ''Stati Generali delle Regioni''.

 

Un'immagine quasi grottesca che raffigura un gruppo di rappresentanti istituzionali di una provincia autonoma, quella di Trento, storicamente abituata a guardare a nord, alla fisiologica alleanza con il vicino Alto Adige, con l'Austria, con l'Euregio, all'Europa, che oggi è costretta ad entrare in stand-by ad ogni adunata comandata da Salvini. Assessori, come Stefania Segnana o Mirko Bisesti, che in Trentino hanno liste di incontri lunghe chilometri con sindacati, organi consiliari, privati che chiedono di essere ricevuti ma che non riescono a ottenere soddisfazione ma che non mancano mai quando il Capitano chiama.

 

E quello di Roma era proprio un meeting per parlare ancora di più tra rappresentanti leghisti. C'erano 200 amministratori regionali del partito di Salvini e lo scopo, tramite dei tavoli tematici, era quello di confrontarsi tra ''vicini'' di casa e di partito per coordinare le ''buon pratiche'' messe in atto in ciascun territorio e fare quadrato contro il governo centrale. Curiosa anche la scelta del luogo dove sono stati svolti questi ''Stati Generali (nome quanto mai abusato in questa fase storica ndr) delle Regioni'': quella Roma che fino a qualche tempo fa era ladrona, brutta, sporca e cattiva per la Lega (Nord) e che ora è base privilegiata e speranza di conquista.  

 

Per Fugatti, relegato in un angolino nella foto, lontano da ''Lui'' e dal suo ''braccio sinistro'' trentino, Bisesti, dunque, altro che visione regionale, altro che sguardo rivolto a nord, a quel Trentino che, forte della sua autonomia, delle intuizioni della sua classe dirigente e della solida alleanza con Bolzano riusciva a primeggiare in Italia per qualità della vita, occupazione, ricchezza pro capite e a mantenere ben saldo lo sguardo europeo, con Università e centri di ricerca a farla da padroni. Altro che appello di Kompatscher colto al volo per riallacciare lo strappo con l'Alto Adige. 

 

L'orizzonte provinciale pare essere quello di un territorio piccolino all'ombra del vicino Veneto, del Friuli Venezia Giulia e della Lombardia territorio di conquista, come dimostrato plasticamente poche settimane fa con il quasi regalo fatto all'Università di Padova di una scuola di Medicina aperta a Trento e sotto il controllo veneto. 

 

In questa foto, poi, c'è la rappresentazione plastica dell'autonomia di questa classe politica che si ritrova a dirigere una provincia autonoma ben conscia del fatto che senza ''Lui'' non sarebbero stati dove sono e quindi se Salvini ''fischia'' il Trentino deve attendere e il suo presidente Fugatti deve essere pronto a vestire, a seconda delle evenienze, i panni della ''spalla'' da campagna elettorale (come successo in Emilia Romagna con Borgonzoni) o della ''band d'apertura'' (alla manifestazione delle destre a Roma) o dell'''emiro'' seduto al tavolo dei governatori leghisti agli Stati Generali delle Regioni. Ed è così che pare non esserci più nemmeno l'autonomia di scegliere se restare o andare. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 aprile - 06:01

In questi giorni, complici le festività di Pasqua, sarebbe dovuta partire la volata per entrare a pieno regime nella stagione estiva. Ma si naviga giocoforza a vista nell'incertezza generale, si cercano strategia e si ragiona sul futuro. Il presidente di Asat, Gianni Battaiola: "Ancora troppo incognite. Intanto puntiamo sulla formazione, non perdiamo i contatti con i clienti e analizziamo il mercato. Ma tanto dipende dalle norme di salute pubblica"

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato