Contenuto sponsorizzato

Riammodernate e mai utilizzate, Degasperi: “Spesi 1,2 milioni di euro per tenere 5 elettromotrici parcheggiate?”

Secondo diversi testimoni alcune di queste motrici non sarebbero mai state utilizzate rimanendo parcheggiate lungo la linea ferroviaria in stato di abbandono. Degasperi: “Rimangono seri dubbi sulla loro destinazione d’uso, qualcuno dovrà spiegare perché a fronte di un investimento così importante questi mezzi siano tenuti fermi a prendere ruggine”

Di Tiziano Grottolo - 16 febbraio 2020 - 20:36

TRENTO. Il consigliere Filippo Degasperi, da sempre molto attento, a quanto accade lungo le ferrovie trentine questa volta ha scovato cinque elettromotrici della Trento-Malè, recentemente riammodernate, che però non sarebbero ancora state utilizzate, rimanendo parcheggiate lungo la linea ferroviaria in uno stato di abbandono.

 

Già nel 2011, ricorda il consigliere, erano state chieste spiegazioni a proposito del ritiro di cinque elettromotrici con una capacità di circa 30 posti a sedere: si scoprì in seguito che le stesse erano state sottoposte a dei lavori di ammodernamento per eliminare qualsiasi traccia di amianto residuo, peraltro dopo che negli anni precedenti erano state oggetto di un primo intervento di risanamento. A tal proposito, Degasperi intervenne una seconda volta per chiedere conto del ritardo sul termine di consegna delle macchine interessate, soprattutto in considerazione del cospicuo investimento di circa 1,2 milioni di euro che l’ammodernamento aveva comportato.

 

 

Dalle risposte ricevute, si era venuti a conoscenza del fatto che, una volta terminati i lavori di rinnovamento, le cinque motrici sarebbero state destinate per il servizio viaggiatori e per servizi turistici di trasporto biciclette e sciatori, in special modo nella tratta da Cles a Marilleva. Fra le altre cose si prometteva che le macchine ammodernate sarebbero state “utilizzate in futuro sia come scorta dei mezzi ordinari in occasione di loro fermi per manutenzioni prolungate, sia per l'effettuazione di particolari servizi di interesse turistico, oggetto di un programma per la valorizzazione turistica della linea”, questo almeno quanto si evince da precedenti interrogazioni.

 

 

“Alla data odierna permane il dubbio sulla loro destinazione d’uso – accusa Degasperi – soprattutto perché risulterebbe da diverse testimonianze raccolte nel tempo che alcuni di questi elettrotreni sono sempre stati fermi in parcheggi lungo la linea ferroviaria in uno stato di abbandono”. Alla luce di queste considerazioni è stata deposita un’interrogazione per sapere quante, delle cinque elettromotrici, sono tornate in servizio e quale sia la loro eventuale destinazione d’uso.

 

Se i dubbi del consigliere provinciali fossero confermati la Pat sarà chiamata a spiegare perché le elettromotrici siano rimaste ferme per tutto questo tempo e soprattutto si dovrebbe giustificare un importante investimento, di circa 1,2 milioni, al fronte di un utilizzo pressoché nullo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 aprile - 06:01

In questi giorni, complici le festività di Pasqua, sarebbe dovuta partire la volata per entrare a pieno regime nella stagione estiva. Ma si naviga giocoforza a vista nell'incertezza generale, si cercano strategia e si ragiona sul futuro. Il presidente di Asat, Gianni Battaiola: "Ancora troppo incognite. Intanto puntiamo sulla formazione, non perdiamo i contatti con i clienti e analizziamo il mercato. Ma tanto dipende dalle norme di salute pubblica"

04 aprile - 12:10

Ad insospettire i carabinieri l’insolito movimento di giovani che, nonostante le restrizioni, entravano e uscivano dall’abitazione. All’intero è stata scoperta una vera e propria serra, sequestrati anche 1,3 chili di marijuana e 136 grammi di hashish

04 aprile - 15:37

Nel 2019 sono stati registrati danni per circa 190mila euro, mentre quelli relativi all’orso sono in aumento (ma M49-Papillon ne ha causati da solo il 30%), quelli da lupo mostrano un significativo calo (-32%). Il Servizio Foreste e fauna: “Sistemi di gestione più accorti e misure di prevenzione idonee fanno calare le predazioni”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato