Contenuto sponsorizzato

L'ateneo inaugura sette spazi protetti: luoghi di pace dedicati all'allattamento o all'assunzione di terapie

Il progetto è costato 18.000 euro, primo in Italia per numero di sedi. Spazi analoghi a quelli dell'Università di Trento sono presenti solo a Bologna e a Salerno

Foto di Giovanni Cavulli
Pubblicato il - 15 maggio 2019 - 10:14

TRENTO. Si chiamano "spazi protetti" e sono il modo che l'ateneo ha di prestare attenzione alle esigenze delle neomamme o dei neopapà, dei loro bambini e di chi ha problemi di salute.

 

L'iniziativa dell'Università di Trento è dedicata a chi ci studia e lavora ed è presente in sette strutture dell'ateneo. Una croce d'infermeria sulla porta, il fasciatoio per cambiare i piccoli e una poltroncina dedicata alle mamme che li allattano o a chi ha bisogno di riposarsi un attimo o assumere delle terapie: questi i tratti distintivi delle salette.

 

All'ingresso di ciascuna sede dell'Università si trova un pannello informativo che illustra il percorso "Uni&Me" da seguire per raggiungere lo spazio protetto. Una volta arrivati si trova sulla targa della porta una rappresentazione della conchiglia del nautilus: una scelta facendo riferimento alla sua struttura geometrica armonica che evoca, con le sue celle disposte a spirale, "l'idea di protezione, rifugio, cura e vita privata". All'interno delle salette l'immagine del nautilus a parete caratterizza l'angolo protetto arredato con poltroncina e lettino.

Per la realizzazione del progetto si sono spese diverse componenti dell'ateneo: il coordinamento è stato dell'Ufficio equità e diversità, è stato sviluppato dai Servizi di architettura della Direzione patrimonio immobiliare in collaborazione con il Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e meccanica.

 

Nonostante varie raccomandazioni nazionali e comunitarie, gli spazi di allattamento non sono ancora molto diffusi negli atenei italiani. Tra i primi casi ci sono l'Università di Bologna con un "Baby pit stop" per l'allattamento e l'Università di Salerno con un "Baby point, spazio nursery". E ora l'ateneo di Trento.

 

Gli spazi protetti sono stati pensati a servizio delle strutture universitarie di collina, di città e di Rovereto: sono stati allestiti al polo di Mesiano, a Povo (polo Ferrari 1), a palazzo Paolo Prodi, al palazzo di Giurisprudenza, alla biblioteca universitaria centrale e, per quanto riguarda Rovereto, a palazzo Fedrigotti e palazzo Piomarta.

 

Il costo complessivo di realizzazione dei sette spazi protetti (dal progetto, ai lavori di adeguamento dei locali, all'arredo) è stato di 18.000 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

12 novembre - 08:02

Nelle prossime ore il limite nelle nevicate scenderà a 900 metri. Temperature in ulteriore calo a partire da questa sera e giovedì mattina sono probabili diffuse gelate  

12 novembre - 08:36

E' successo nelle prime prime ore di questa mattina nella zona di Roncone. Sul posto vigili del fuoco e polizia locale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato