Contenuto sponsorizzato

Vittime di valanga, studio dell'Eurac pubblicato sulla rivista ''Resuscitation'': definisce i criteri per valutare la possibilità di sopravvivenza

In 7 grandi ospedali europei studiate 103 persone travolte da valanghe, 61 sono state riscaldate, il 10% è sopravvissuto. I fattori decisivi: temperatura corporea e concentrazione di potassio nel siero del sangue

Pubblicato il - 28 maggio 2019 - 16:27

BOLZANO. "Resuscitation" (qui). È la rivista specialistica , edita dal Consiglio europeo per la rianimazione, su cui è stato pubblicato uno studio internazionale condotto da Eurac Research di Bolzano che definisce i criteri per valutare correttamente la possibilità di sopravvivenza di vittime di valanga, arrivate in ospedale in ipotermia e sottoposte a riscaldamento.

 

Per i medici che si trovano ad accogliere in ospedale un paziente vittima di valanga, in stato di ipotermia e in arresto cardiaco la valutazione è difficile. "Il paziente è morto per asfissia o c'è una possibilità che sopravviva se la sua temperatura aumenta?" è la domanda a cui sono chiamati a provare a rispondere.

 

Poter fare una valutazione corretta servono dei criteri da seguire, spiega il principale autore dello studio, Hermann Brugger: "È necessario definire dei criteri per garantire che tutti i pazienti che arrivano in ospedale con una chance di sopravvivenza vengano riscaldati, ma preferibilmente solo questi pazienti". Il riscaldamento permette infatti di salvare solo una parte di pazienti ed è molto costoso in termini di personale e tecnologia.

Ecco dunque che gli esperti di medicina d'emergenza di Eurac Research, insieme a colleghi europei e statunitensi, vengono in corso a chi si trova nella propria professione ad affrontare situazioni complesse di questo tipo. I ricercatori hanno sviluppato nuovi parametri di riferimento legati a temperatura corporea e concentrazione di potassio nel siero del sangue in modo da fornire una guida affidabile per le decisioni di ricovero ospedaliero.

 

Lo studio ha analizzato i dati di 103 vittime di valanga che sono state ricoverate in stato di arresto cardiovascolare in sette grandi ospedali in Europa tra il 1995 e il 2016. Nello studio sono stati inclusi gli ospedali di Berna, Grenoble, Innsbruck, Cracovia, Tromsö, Losanna e Sion.

 

Si è osservato che delle 103 persone travolte da valanghe, 61 sono state riscaldate, ma solo il 10 per cento è sopravvissuto. Negli altri casi non è stata l’ipotermia a causare l'arresto circolatorio, ma il soffocamento dovuto alla valanga o un trauma.

 

La ricerca pubblicata su "Resuscitation" illustra come i fattori decisivi per la sopravvivenza dei pazienti di questo tipo siano temperatura corporea e concentrazione di potassio nel siero del sangue, correlata alla decomposizione cellulare.

 

Per entrambi i parametri i medici hanno determinato il valore che distingue i casi potenzialmente recuperabili da quelli senza speranza. Per la temperatura corporea 30 gradi sono la soglia: nessuna vittima di valanga con arresto cardiovascolare la cui temperatura sia sotto i 30 gradi è stata mai riscaldata con successo. Il potassio sierico, invece, non deve superare i 7 mmol/litro.

 

I ricercatori sono stati in grado di ottenere stime affidabili, nonostante il numero limitato di casi, grazie a un nuovo metodo statistico sviluppato da Eurac Research e utilizzato per la prima volta in questo studio. Questo metodo apre nuove possibilità per altri studi con un campione ridotto.

 

I risultati dello studio forniscono inoltre una conoscenza che va ad aggiungersi alle linee guida per il primo triage delle vittime di valanga direttamente sul campo e che aiuterà i professionisti negli ospedali nelle scelte che si trovano ad affrontare nel tentativo di salvare la vita a dei pazienti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

12 novembre - 08:02

Nelle prossime ore il limite nelle nevicate scenderà a 900 metri. Temperature in ulteriore calo a partire da questa sera e giovedì mattina sono probabili diffuse gelate  

12 novembre - 08:36

E' successo nelle prime prime ore di questa mattina nella zona di Roncone. Sul posto vigili del fuoco e polizia locale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato