Contenuto sponsorizzato

Cinque consigli per scegliere l'orologio

I brand più famosi esistono da ben oltre 100 anni, hanno saputo in tutto questo tempo offrire sempre il meglio e allo stesso tempo si sono anche evoluti. Questo ha portato praticamente il settore degli orologi da polso a raggiungere la perfezione

Pubblicato il - 23 aprile 2019 - 11:24

TRENTO. L’orologio è un accessorio molto in voga. Si comincia da piccoli con i primi modelli per bambini. Crescendo ci accorgiamo che in commercio ce ne sono di modelli a dir poco fantastici.

 

I brand più famosi esistono da ben oltre 100 anni, hanno saputo in tutto questo tempo offrire sempre il meglio e allo stesso tempo si sono anche evoluti. Questo ha portato praticamente il settore degli orologi da polso a raggiungere la perfezione.

 

Guardate per esempio Hamilton orologi e provate a non rimanere stupiti dai molti modelli presenti. Oggi un orologio si distingue non solo dal prezzo, ma anche dal design e i materiali utilizzati per la sua creazione. Vi forniamo adesso alcuni consigli, questi utili per comprare un orologio senza sbagliare. Facciamo una premessa, noi vi diamo qualche consiglio, ma siete voi a decidere. I gusti personali devono sempre avere la meglio, altrimenti che acquisto è? Cinque consigli.

 

Comprate un orologio che vi piaccia e non perché è di moda. Se acquistate un prodotto solo perché fa “tendenza” allora siete partiti con il piede sbagliato. Questo perché in poco tempo comincerete a non indossarlo più.

 

Unisex? Gli orologi si possono suddividere tra quelli da uomo e quelli da donna. Ci sono anche i modelli unisex, questi pensati appunto per entrambi! A tale proposito vi ricordiamo che i modelli unisex mettono praticamente quasi sempre d’accordo. Però c’è da dire che un modello femminile è più curato nei dettagli, lo stesso vale per gli orologi da uomo. Ovvero se state cercando qualcosa di bello ma non troppo curato allora potete orientarsi sugli unisex.

 

Prezzo? Si parte sempre dal prezzo, gli orologi in commercio sono pensati per ogni pubblico. Quindi da quelli economici, di prezzo moderato, costosi, di lusso. Noi non vi possiamo dire quanto spendere, però possiamo ricordarvi alcune cose. Se lo utilizzate spesso e vi piace averlo sempre con voi, allora l’orologio economico non è adatto. Se invece raramente indossare questo tipo di accessori, allora magari potete anche cercare qualcosa dal prezzo un po’ più tollerabile.

 

Brand. Un brand famoso significa fiducia, un’ottima assistenza e un prodotto eccellente. Non potete sbagliare infatti. Ci sono fin troppi nomi al giorno d’oggi ma non tutti sono ottimi! Alcuni sono nati da poco, quindi non hanno neppure la fama di altri che sono in commercio da più di un secolo. Scegliete in base al vostro istinto ma sappiate che potete pentirvi entro poco se optate per un modello che non è noto ed è pure a basso costo.

 

Movimento. Un altro aspetto importante è proprio il movimento dell’orologio. Potete optare per i seguenti: Movimento meccanico, movimento al quarzo e movimento a carica automatica. Ci sono delle differenze sia nella durata che nel tipo di carica. Per esempio quello a movimento meccanico è amato dai collezionisti e lo dovete ricaricare voi, manualmente. I modelli a carica automatica si alimentano con il movimento del braccio. Come potete vedere c’è molto da sapere sugli orologi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 11:06

Il Trentino non è ancora uscito dall’emergenza sanitaria, il matematico del Cnr Sebastiani: “Lombardia, Liguria, Piemonte e la provincia di Trento, tornano a preoccupare, qui i valori dell'incidenza vanno da 1,6 a 3,4 nuovi casi al giorno per 100.000 abitanti, situazioni che andranno monitorate con attenzione”

28 maggio - 13:20

Descritto dalla Provincia di Bolzano come uno degli ''artisti più eclettici della sua generazione'' Patrick Trentini ha prima scritto una lettera a Mirko Bisesti e poi fatto un video tutto da vedere dove mostra l'incredibile gaffe compiuta dall'assessore alla cultura e all'istruzione raccontandola alla sua maniera (per una sensazione finale che si avvicina al tragicomico)

28 maggio - 12:55

Le investigazioni sono state condotte con i metodi classici,  attraverso una serie di delicati servizi di osservazione e pedinamento poiché il ragazzo, per non essere individuato, era solito cambiare continuamente le aree di incontro: evitava di ripetere luoghi e orari degli appuntamenti per cercare di passare inosservato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato