Contenuto sponsorizzato

Dai buoni da 1.000 euro per fare la spesa al 5% per acquistare i pulmini attrezzati per Anffas, Sait festeggia 120 anni

Il rilancio di Sait, dopo il risanamento dei conti, passa da un ambizioso piano di investimenti. Luca Picciarelli: "Dopo tre anni di pesante ristrutturazione, vogliamo restituire al territorio parte dei risultati raggiunti, con iniziative di carattere sociale e commerciale a favore dei soci e clienti"

Di Lucia Brunello - 11 novembre 2019 - 17:13

TRENTO. Centoventi mila euro in buoni spesa messi a disposizione di tutti i clienti dei punti vendita delle cooperative che ruotano nel mondo Sait. Questa una delle iniziative sociali e commerciali organizzate dal consorzio per celebrare i 120 anni dalla sua fondazione, avvenuta il 23 novembre 1899. Con una spesa di almeno 15 euro sarà possibile verificare istantaneamente se si è tra i fortunati vincitori di una tessera prericaricata dal valore di mille euro.

 

Questo "concorso" rientra nella lotteria degli scontrini e per le verifiche basterà inserire il codice presente sul tagliando online e si può scoprire subito se si è vinto uno dei tre premi giornalieri. In caso di esito negativo, ci sarà una seconda possibilità di vincere il buono spesa con  estrazione finale (Qui info e sito di riferimento). Ma sono diverse le iniziative di Sait: "Un modo - dice il direttore generale, Luca Picciarelli - per celebrare gli ottimi risultati ottenuti in questo ultimo periodo di ripresa e consolidamento".

 

Un'importante azione sociale sarà quella che avrà luogo nelle giornate del 25, 26 e 27 novembre. "Il 5% degli incassi ottenuti durante queste giornate - spiega Roberto Simoni, presidente di Sait - sarà impiegato per l’acquisto di almeno tre pulmini attrezzati a servizio di Anffas del Trentino. L’intento è quello di andare a presidiare diversi punti del territorio per agevolare l’attività quotidiana".

 

Giornata simbolica sarà inoltre quella del 23 novembre, giorno esatto anniversario dei 120 anni del consorzio, con un evento di commemorazione in ricordo del suo fondatore e primo presidente Emanuele Lanzerotti, che iniziò la sua attività nel mondo della cooperazione attraverso la fondazione della famiglia cooperativa e del sistema delle casse rurali. Alle 10.30 al cimitero di Romeno, luogo della sua sepoltura, avverrà la benedizione e la posa di una corona.

 

A seguire, alle 11, alla sala Lanzerotti della Cassa rurale Val di Non, ci saranno gli interventi di Roberto Simoni, presidente di Sait, e Marina Mattarei, presidente della Federazione. A questi seguiranno le relazioni di Mariagrazia Sironi, nipote di Lanzerotti, su “La figura di Emanuele Lanzerotti”e quella di Renzo Tommasi su “Le attualità di Emanuele Lanzerotti”.

 

Il 30 novembre, alle 9.30, si terrà un convegno su “La prospettiva del consorzio delle cooperative di consumo trentine dopo 120 anni”, alla sala Lanzerotti della sede di Sait a Trento in via Innsbruck. Affidata al presidente di Sait con gli interventi di Maura Latini, amministratrice delegata di Coop Italia, di Luca Raffaele, direttore Next – Nuova Economia per Tutti e di Fulvia Mantovani, cooperativa Iris – pastificio produttore Vivi Verde Coop.

 

Alle 10.30 seguirà la tavola rotonda moderata dal giornalista Alberto Faustini, direttore dei quotidiani l’Adige e Alto Adige, dove interverranno Maura LatiniFrancesca Gennai (vicepresidente di Consolida), Luca Raffaele e Roberto Simoni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 agosto - 19:19

Un week-end da sold out a Braies e turisti accalcati nel percorrere il sentiero che segue l'argine del lago. "Il parcheggio era praticamente pieno già molto presto, ho pagato 6 euro ma arrivata all'ingresso del percorso mi sono decisa a tornare a casa senza vedere nulla. Non ci sono le garanzie di sicurezza"

03 agosto - 18:05

Complessivamente il Trentino sale a 5.603 casi e resta a 470 decessi da inizio emergenza. Sono 5.033 i guariti. Il virologo del Cibio: "Il coronavirus non è cambiato ma abbiamo imparato a controllare la diffusione attraverso il distanziamento sociale e alle precauzioni messe in atto"

03 agosto - 15:38

Futura aveva depositato un emendamento per mettere a bilancio 1 milione di euro (per tre anni) per interventi in favore delle persone con disabilità ma alla fine la proposta è stata bocciata dalla maggioranza leghista. Cattani: “Fugatti non ha certo fatto un dispetto ai consiglieri Ghezzi e Coppola, ma un grave danno dimostrando il mancato interesse per i disabili e le loro famiglie”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato