Contenuto sponsorizzato

Inaugurato il Colbricon Express, Dallapiccola: ''Il centrodestra oggi festeggia, ma tra mozioni e interrogazioni ha dubitato molto''

Un'opera importante e attesa dalla comunità del Primiero, ma anche da tutto il Trentino, l'impianto è entrato regolarmente in funzione a dicembre. Dopo oltre un mese ecco l'inaugurazione ufficiale, la cerimonia a inizio stagione era saltata in quanto il governatore era sceso a Roma per la chiamata a raccolta di Matteo Salvini in piazza del Popolo

Di Luca Andreazza - 20 gennaio 2019 - 05:01

TRENTO. "Il nuovo impianto di risalita Colbricon Express è un passaggio importante, ma non l’unico, di un progetto più ampio per riqualificare la skiarea San Martino e passo Rolle", queste le parole del presidente Maurizio Fugatti, che aggiunge: "La nuova giunta intende investire nel turismo di qualità e sostenibile".

 

Un'opera importante e attesa dalla comunità del Primiero, ma anche da tutto il Trentino, l'impianto è entrato regolarmente in funzione a dicembre. Dopo oltre un mese ecco l'inaugurazione ufficiale, la cerimonia a inizio stagione era saltata in quanto il governatore era sceso a Roma per la chiamata a raccolta di Matteo Salvini in piazza del Popolo (Qui articolo).  

 

Non solo il Colbricon Express, il piano di rilancio dell'intera area prosegue deciso, il prossimo passo è il collegamento con passo Rolle. “Il progetto esecutivo è pronto. L’impegno - dice Fugatti - è quello di portare avanti, anche con gli operatori locali e trentini, il collegamento che rappresenta il fiore all’occhiello del turismo, non solo invernale, del Primiero ma anche del passo Rolle, un’area unica per bellezza e interesse naturalistico".

 

Semafori verdi e sorrisi a tutto spiano per un progetto promosso in modo forte e deciso nella scorsa legislatura. "Sono molto contento per questo entusiasmo -commenta l'ex assessore Michele Dallapiccola - anche della nuova maggioranza di governo provinciale che oggi festeggia e applaude. Questo è solo un passaggio di un percorso lungo e ambizioso per rilanciare San Martino e tutto il Primiero".

 

La scorsa legislatura, quella guidata da Ugo Rossi, si è trovata una situazione disastrosa, finanziariamente boccheggiante e imprenditorialmente depressa. "Dopo anni di discussione - dice il consigliere provinciale del Patt - abbiamo cambiato marcia: un inverno povero di neve e gli impianti avevano aperto a febbraio inoltrato per l'assenza di precipitazioni importanti. E' stato in quell'occasione che abbiamo fissato i punti di un percorso di rilancio e riqualificazione". 

 

Si è partiti dal risanamento finanziario della società impianti, quindi la creazione di un bacino di accumuloil rifacimento e l'efficientamento del sistema di innevamento programmato (6,3 milioni di euro) per arrivare al punto di partenza: il nuovo impianto di risalita Colbricon Express. "Sono stati raggiunti traguardi importanti e ora tutto è pronto per il successivo step - prosegue Dallapiccola - il collegamento verso il Rolle a concludere questo percorso virtuoso tra pubblico e privato. I bilanci di Trentino sviluppo mostrano queste scelte come sostenibili e azzeccate".

 

Oggi questo progetto vede, soprattutto, i volti sorridenti degli esponenti di centrodestra. Non solo il governatore e, ovviamente, i rappresentanti del Consorzio impianti a fune San Martino di Castrozza e Passo Rolle, e il presidente della Comunità di valle di Primiero, ma anche Walter Kaswalder e l'assessore Roberto Failoni:  "San Martino e l’intero Primiero - commenta il titolare dell'assessorato al turismo - lavorano da tempo e con un nuovo spirito unitario per il rilancio della località, in particolare invernale. Credo che sforzi e investimenti premieranno il rinnovato vigore degli operatori turistici locali che meritano tutta la nostra attenzione e la nostra fiducia".

 

Fiducia che negli anni scorsi latitava tra le fila dell'allora opposizione. Tra i passaggi decisivi, quelle di individuare le priorità e la road map per arrivare all'impianto inaugurato, oltre all'accantonamento del progetto di una semplice fune inizialmente ipotizzata.

 

"Tante, però, le interrogazioni e le mozioni, anche del odierno presidente della Provincia a insinuare qualche dubbio sulle procedure e il nostro portare avanti il lavoro. Siamo contenti che questa prima fase sia arrivata a compimento - continua Dallapiccola - altrettanto importante è che ci sia la volontà di continuare lungo questa strada. Ormai siamo già abituati ai cambiamenti dell'attuale maggioranza, come testimoniano le affermazioni sulla sanità (Qui articolo) e sul mercato del lavoro (Qui articolo). Registriamo più miracoli, politici, in Trentino che a Lourdes".

 

Un Primiero che continua a muoversi dopo il sabotaggio alla seggiovia Ferrari prima (Qui articolo), Paradiso poi (Qui articolo) e la nascita della Pro Loco a mettersi ancora più in gioco (Qui articolo). La nuova cabinovia, costata 8,5 milioni di euro, sostituisce due vecchi impianti: la seggiovia fissa tre posti "San Martino-Malga Ces" e la seggiovia fissa quattro posti "Malga Ces-Valbonetta".

 

Il progetto è stato firmato dallo studio di ingegneria Momplan, che ha sede proprio a Fiera di Primiero, mentre l’impianto è stato costruito su tecnologia del gruppo Leitner, azienda leader nella costruzione di impianti di risalita.

 

La vecchia portata delle due seggiovie era di 1.500 persone/ora con un tempo di risalita di 21 minuti. La nuova cabinovia Colbricon Express, che si sviluppo lungo un unico percorso di risalita, può trasportare fino a 2.400 persone/ora, con un tempo di percorrenza di soli 6 minuti.

 

L’impianto, pensato anche un utilizzo estivo e la possibilità di caricare biciclette, conta complessivamente 43 cabine, ad aggancio automatico con una capienza singola di 10 posti. L’impianto si sviluppa su una lunghezza di quasi 2 chilometri (1.933 metri) con un dislivello fra le stazioni di 358 metri.

 

"Gli impatti ambientali di questi interventi - conclude Dallapiccola - sono bassi e la strada è quella giusta. E' fondamentale investire sul territorio, soprattutto se sono lontani da Trento. Anche il privato e gli operatori hanno ripreso slancio, orgoglio e fiducia. Un grande risultato per l'intera Provincia, non solo per il territorio interessato".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato