Contenuto sponsorizzato

La Paganella scommette sull'enogastronomia e si allea con la Strada del vino e dei sapori del Trentino

Dodici nuovi soci tra ristoranti, rifugi e strutture ricettive, capitanati dall'Apt Dolomiti Paganella, entrano a far parte dell'Associazione che opera per valorizzare il territorio e le sue eccellenze enogastronomiche attraverso la diffusione della cultura di prodotto. A settembre la terza edizione di "Paganella del gusto"

Pubblicato il - 20 aprile 2019 - 20:52

ANDALO. Dodici nuovi soci tra ristoranti, rifugi e strutture ricettive, capitanati dall'Apt Dolomiti Paganella, entrano a far parte dell'Associazione che opera per valorizzare il territorio e le sue eccellenze enogastronomiche attraverso la diffusione della cultura di prodotto. Obiettivo: entrare in un più ampio circuito di produttori per poter qualificare ulteriormente l'offerta dell'Altopiano.

 

Sono ormai tre anni che l'Altopiano della Paganella, spinto dall'intraprendenza di alcuni ristoratori locali, ha avviato un progetto orientato a restituire identità gastronomica al territorio attraverso il recupero delle antiche tradizioni locali reinterpretate in chiave moderna.

 

Un progetto che ha trovato massima espressione nella ideazione dell'evento "Paganella del gusto", dal 13 al 22 settembre è prevista la terza edizione, che intende realizzare menù ad hoc studiati proprio secondo questa filosofia di recupero di quanto fa da sempre parte dell'anima del territorio, utilizzando prodotti a filiera corta e di stagione e valorizzando la biodiversità.

 

Ed è qui che entra in gioco la Strada del vino e dei sapori del Trentino, in grado di offrire, attraverso i suoi soci, prodotti di massima qualità e in linea con i requisiti richiesti ma anche di fare rete tra i diversi rappresentanti dell'enogastronomia locale e fornire un valore aggiunto in termini di comunicazione e promozione.

 

"Il nostro territorio - spiega Luca D'Angelo, direttore dell'Apt Dolomiti Paganella - non è molto esteso ma è fortemente vocato al turismo, con più di 120 strutture ricettive per 1.450.000 presenze turistiche l'anno suddivise su cinque comuni. Ha quindi a disposizione un numero limitato di produttori su cui fare affidamento. Con l'ingresso nella Strada del vino e dei sapori del Trentino, da noi fortemente caldeggiato al fine di intraprendere un percorso di lunga gittata sul tema enogastronomico, entra invece in un circuito di eccellenza che consentirà sicuramente di qualificare ulteriormente l'offerta".

 

Una visione assolutamente in linea con quella dei 7 ristoranti, 2 rifugi e 2 strutture ricettive che, insieme all'Apt, hanno deciso di entrare a far parte dell'Associazione: Ristorante Bucaneve, Ristorante Al Faggio, Ristorante "Al Picchio Rosso", Bistrot Dolomieu, Le Chicche Bio Bistro, Il Piccolo Dolomiti Resort, Ristorante Alt Spaur, The Dining Loung at Solea, Corona Dolomites Hotel, Rifugio Dosson e Rifugio Meriz, in aggiunta ai già affiliati Ristorante “Empatia” e Rifugio La Montanara.

 

"La bellezza di questo evento, e in generale di questo progetto, è aver preso coscienza del fatto che fosse tempo di puntare sul nostro tesoro culturale legato alla tavola. Per farlo siamo ripartiti dal passato, attraverso ricerche in cui siamo risaliti addirittura a scoprire quello che veniva utilizzato in cucina nel '500, valorizzando memoria, tradizione e saggezza del luogo. L'intento - commenta Filippo Crippa del Bistrot Dolomieu, tra gli ideatori e portavoce dell'evento Paganella del gusto - è quello di proporre una ristorazione che coinvolga al punto da diventare diventare motivazione di vacanza, o quantomeno di visita, dell'Altopiano, sia per i trentini che per i turisti provenienti da fuori provincia".

 

Tra le collaborazioni già avviate, quella con le "vicine" cantine della Piana Rotaliana e, in particolare, con il gruppo dei TeRoldeGO Evolution, la cui filosofia di approccio è in linea con quella del gruppo di lavoro della Paganella.

 

"Non possiamo che essere felici ed orgogliosi - conclude Francesco Antoniolli, presidente della Strada del vino e dei sapori del Trentino - di essere stati scelti da questi professionisti come realtà in grado di valorizzare ulteriormente questo ambizioso progetto. Un gesto che premia il grande lavoro di qualificazione e cultura di prodotto che da tempo portiamo avanti, consapevoli del fatto che le nostre eccellenze siano gli autentici comunicatori culturali del territorio, ma che ci consente anche di aumentare il presidio di una zona strategica come la Paganella, moltiplicando le occasioni di far conoscere la nostra realtà ai tanti turisti qui presenti, a vantaggio di prodotti e produttori".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 maggio - 21:02

Il professore a Rovereto per il primo Cda che ha nominato Silvio Cattani alla vicepresidenza. L'annuncio: ''Dal 6 giugno la mia collezione a Caldes''. Poi: ''Riqualificazione? Ho già sentito Botta. E vorrei aprire la caffetteria entro ottobre. Lavoro, basta precari". Offerta di pace ad Alex Marini: ''Se lascia perdere le querele lo invito a cena''

22 maggio - 18:18

L'onorevole, tirata in ballo nel profilo Twitter da Ivan Cristoforetti, braccio destro dell'assessore Spinelli, replica: "Chi ricopre una carica istituzionale o chi lavora all’interno delle Istituzioni debba usare toni di decoro e rispetto verso quelle stesse Istituzioni, siano locali o statali, che sono garanzia di tutela dei cittadini"

22 maggio - 12:24

Laureata in Lingue e letterature straniere moderne e attualmente insegnante inglese al liceo linguistico e scientifico di Pozza di Fassa, già Procuradora del Comun general de Fascia, la candidata per il centrosinistra corre nel collegio della Valsugana per un posto alla Camera 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato